martedì 22 gennaio 2019

Moda, inflencers e nuove tendenze

Creativi sì, ma attenti alle cuciture. L'intervista ad Alessandro Bertini, direttore dell’Istituto Modartech di Pontedera, la realtà che forma professionisti dell’abbigliamento e della calzatura
Guido Bachetti

Cosa significa essere un designer di moda nel millennio in cui tutti sembrano essere stilisti di se stessi, e ad inventare nuove tendenze ci pensano sempre più spesso personaggi pubblici come Chiara Ferragni, la regina delle influencer?

Lo abbiamo chiesto ad Alessandro Bertini, direttore dell’Istituto Modartech di Pontedera, realtà che forma professionisti dell’abbigliamento, della calzatura e che, di moda, se ne intende. 

Bertini, i social network danno l’impressione che tutti possano diventare degli stilisti e che non servano necessariamente qualifiche e competenze. È davvero così?

No, al contrario, per essere davvero competitivi oggi bisogna essere ancora più preparati, perché altrimenti ci si “perde nel mucchio”. Un vero designer deve avere cultura, inventiva, fantasia e una grande dose di preparazione tecnica. Deve sapere esattamente come si crea una collezione: dal disegno al dettaglio.

Un giovane stilista non può permettersi di non sapere come si fa una cucitura o come si realizza un modello. Si troverebbe le porte del mondo del lavoro sbarrate. È più importante la fantasia o il saper fare?

I grandi stilisti del passato - penso a Coco Chanel e Valentino, a Yves Saint Lauren e Ferragamo – ci dimostrano che sono entrambi ingredienti imprescindibili e che sono ugualmente importanti.
Bisogna aver sempre contezza di come mettere in pratica un’idea, così si manifesta la vera vena artistica.

In un mondo del lavoro così complicato, c’è spazio per i ragazzi che oggi sognano un futuro nella moda?

C’è sempre più bisogno di persone che sappiano far bene il loro lavoro, di professionisti in grado di pensare e realizzare prodotti non solo belli ma anche performanti. Sono le aziende a chiederlo, e i numeri ce lo dimostrano. L’87% dei ragazzi che frequenta il nostro istituto trova lavora entro sei mesi dalla fine del percorso di studi. E questo perché abbiamo deciso di puntare il nostro sistema formativo su un mix giustapposto di artigianalità, cultura – grazie ad un corpo docente altamente specializzato - e introduzione all’uso dei più moderni strumenti tecnologici.

27 luglio 2018
articoli correlati

Le novità di Pitti bimbo 2019: attività gratuite per i piccoli

Il salone internazionale della moda bambino apre le porte alla città: decine di appuntamenti per i più piccoli nei musei di Firenze con laboratori gratuiti

Il ristorante di Gucci a Firenze è nel 'garden'

La maison non resiste alla moda della cucina. Il bistrot di Gucci apre le porte a Firenze: un ristorante affacciato su piazza della Signoria (un 'Gucci Garden') con il menù firmato da Massimo Bottura

Come riconoscere i 'Pitti people' in poche mosse

Giovani, belli e sempre alla moda. Pitti Uomo 93 richiama in città anche il popolo della moda, inclusi fashion blogger, instagramer e web influencer. Ecco l'identikit dei 'Pitti People'
quartieri di firenze
Primo piano

Neve, a Firenze oggi codice giallo

Previste nevicate a quote collinari e qualche fiocco anche in città. La situazione meteo è incerta, dicono gli esperti: le previsioni per le prossime ore
news
Focus
Agenda
Arte & moda
Dalla città
Focus

Ordinanza piazze vivibili, a Firenze i controlli continueranno

Il bilancio delle ordinanze per il controllo delle piazze e contro il ''panino selvaggio'' in via de’ Neri. Intanto arrivano risultati dalla squadra anti-droga della polizia municipale

A Firenze la control room del traffico metropolitano

Fusione per le due società pubbliche Silfi e Linea Comune: nasce uno dei poli smart d’Italia per  il monitoraggio della viabilità, l'illuminazione pubblica, i servizi online e l’innovazione

Saldi invernali 2019 a Firenze: quando, dove e come

CSaldi invernali 2019 a Firenzeon i primi giorni di gennaio iniziano i saldi invernali a Firenze: i consigli per non farsi sfuggire i migliori sconti, dai negozi del centro fino agli outlet. La nostra guida ai ribassi di fine stagione

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina