domenica 21 ottobre 2018

Moda, inflencers e nuove tendenze

Creativi sì, ma attenti alle cuciture. L'intervista ad Alessandro Bertini, direttore dell’Istituto Modartech di Pontedera, la realtà che forma professionisti dell’abbigliamento e della calzatura
Guido Bachetti

Cosa significa essere un designer di moda nel millennio in cui tutti sembrano essere stilisti di se stessi, e ad inventare nuove tendenze ci pensano sempre più spesso personaggi pubblici come Chiara Ferragni, la regina delle influencer?

Lo abbiamo chiesto ad Alessandro Bertini, direttore dell’Istituto Modartech di Pontedera, realtà che forma professionisti dell’abbigliamento, della calzatura e che, di moda, se ne intende. 

Bertini, i social network danno l’impressione che tutti possano diventare degli stilisti e che non servano necessariamente qualifiche e competenze. È davvero così?

No, al contrario, per essere davvero competitivi oggi bisogna essere ancora più preparati, perché altrimenti ci si “perde nel mucchio”. Un vero designer deve avere cultura, inventiva, fantasia e una grande dose di preparazione tecnica. Deve sapere esattamente come si crea una collezione: dal disegno al dettaglio.

Un giovane stilista non può permettersi di non sapere come si fa una cucitura o come si realizza un modello. Si troverebbe le porte del mondo del lavoro sbarrate. È più importante la fantasia o il saper fare?

I grandi stilisti del passato - penso a Coco Chanel e Valentino, a Yves Saint Lauren e Ferragamo – ci dimostrano che sono entrambi ingredienti imprescindibili e che sono ugualmente importanti.
Bisogna aver sempre contezza di come mettere in pratica un’idea, così si manifesta la vera vena artistica.

In un mondo del lavoro così complicato, c’è spazio per i ragazzi che oggi sognano un futuro nella moda?

C’è sempre più bisogno di persone che sappiano far bene il loro lavoro, di professionisti in grado di pensare e realizzare prodotti non solo belli ma anche performanti. Sono le aziende a chiederlo, e i numeri ce lo dimostrano. L’87% dei ragazzi che frequenta il nostro istituto trova lavora entro sei mesi dalla fine del percorso di studi. E questo perché abbiamo deciso di puntare il nostro sistema formativo su un mix giustapposto di artigianalità, cultura – grazie ad un corpo docente altamente specializzato - e introduzione all’uso dei più moderni strumenti tecnologici.

27 luglio 2018
articoli correlati

Wanda Ferragamo, è scomparsa la signora della moda

Era accanto a suo marito Salvatore quando disegnava le scarpe delle star di mezzo mondo. Da Bonito (provincia di Avellino) approdò a Firenze, dove il successo consacrò lui e di riflesso anche lei, che era sempre stata insieme al suo compagno in questa grande avventura. È scomparsa ieri, all’età di 96 anni, Wanda Miletti Ferragamo, presidente onorario della Salvatore Ferragamo spa.

In via Gioberti la sartoria italiana guarda all’Africa

Apre il nuovo laboratorio showroom di Waxmore, marchio fiorentino nato un anno fa che unisce artigiane italiane e sarti africani; tessuti made in Italy e stoffe con le tipiche stampe africane

Creactivity: la creatività fa scuola video

Per due giorni, al Museo Piaggio di Pontedera (Pisa) giovani studenti si confrontano con esperti e professionisti di diversi settori, dal design fino alla robotica, per far crescere nuove idee
quartieri di firenze
Primo piano

Renzi chiude la Leopolda: “Ripartiamo dai comitati cittadini”

L'ex premier ha chiuso l'edizione numero 9 della kermesse. Tutti i protagonisti e l'appuntamento (già fissato) per il 2019
news
Focus
Agenda
Sport
Spettacoli
Focus

Stop ai diesel euro 2 e ai benzina euro 1 nella ztl di Firenze

Firenze si aggiunge alla lista delle città italiane che hanno deciso il blocco delle auto diesel. Dall’inizio del 2019 stop ai veicoli a benzina euro 1 e ai  diesel euro 2 nella zona a traffico limitato

Banksy a Firenze, graffiti in mostra a Palazzo Medici Riccardi

A Firenze arrivano le opere di Banksy, il padre della street art contemporanea: “Banksy. This is not a photo opportunity” è la mostra in programma a Palazzo Medici Riccardi dal 19 ottobre al 24 febbraio. 

I Medici 2: in uscita 8 episodi su Lorenzo il Magnifico

Il nuovo capitolo della serie tv dedicata i potenti signori di Firenze. Le anticipazioni e il trailer de ''I Medici 2'', in onda su Rai Uno e in streaming, per i paesi anglofoni, su Netflix

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina