domenica 17 febbraio 2019

La gelateria ''storica'' di Campi Bisenzio

Ormai è un'istituzione a Campi: nonostante sia inverno, il gelato non passa di moda. Abbiamo intervistato Marco Ballerini de Il Fantino
Dario Baldi
Gelateria Il Fantino Campi Bisenzio

“L’estate sta finendo e un anno se ne va” cantavano I Righeira. L’estate è ormai finita ma la voglia di rinfrescarsi è stata ed è ancora tanta. Durante il caldo settembrino a Campi Bisenzio in tanti si sono potuti rifugiare nelle due boutique de Il Fantino, storica gelateria artigianale a conduzione familiare.

La storia del gelato campigiano e della Piana Fiorentina passa da via XXIV Maggio, dove nasce e cresce il gelato de Il Fantino. Negli anni, la famiglia Ballerini ha deciso di ampliare i propri store ed ha acquistato un altro fondo in piazza Dante, diventando un punto di ritrovo fisso anche nella zona centrale di Campi per grandi e piccini.

Gelato tradizionale

Doppio negozio, ma i gusti ed il gusto del gelato è sempre quello di più di quarant’anni fa. Infatti, anche durante l'estate appena conclusa Il Fantino è rimasto luogo di aggregazione e meta di tanti turisti del gelato, all’insegna della classicità di fiordilatte, crema, riso, cioccolata e con qualche novità come il cedro o il cremino.

Può sembrare facile amalgamare latte, uova ed altri ingredienti e fare un prodotto sempre fresco ed apprezzato, ma non lo è. Lo ha ben chiaro Marco Ballerini, uno dei proprietari: “Non sono un imprenditore, sono un gelataio - afferma Ballerini -. Io sto bene quando le persone mi dicono 'L’è bono'. Siamo molto soddisfatti di come è andata questa estate, come sempre con i nostri gusti classici abbiamo avuto tante persone a mangiare il nostro gelato. Ad andare per la maggiore riso, crema e stracciatella, a dimostrazione di come il classico continui a piacere”.

Ballerini continua parlando dei suoi prodotti e dell’attività: “Siamo stati aperti tutti i giorni in quest’estate, compresi il giorno e la sera di Ferragosto. Il nostro è un gelato fatto con passione e buoni ingredienti. Infatti, ogni giorno viene rifatto per garantire ai nostri clienti un prodotto sempre fresco e buono. I nostri clienti non troveranno mai le montagne, ma sempre un gelato nato nel giorno in cui lo mangiano. Qua da noi, ogni cono o coppetta da asporto, anche piccolo può essere guarnito con tre gusti per poter assaporare meglio il nostro gelato”.

E pensando all’inverno, Ballerini conclude: “Il gelato è buono anche quando inizia a fare più freddo.  come sempre punteremo sui gusti storici da non far mancare anche nei periodi più freddi ai campigiani e ai nostri clienti affezionati.”

28 settembre 2018
articoli correlati

Cosa succederà al Caffè delle Giubbe Rosse

Fallimento per il caffè letterario di piazza della Repubblica, il marchio rimarrà legato allo storico locale e potrà essere venduto alla nuova proprietà

Notte bianca a Gavinana sul cibo

Una serata tutta dedicata a Pellegrino Artusi, con uno spettacolo che unisce le note ai piaceri del palato

Aperitivo all'aperto a Firenze: dove farlo

Un cocktail da sorseggiare o un vero e proprio apericena con grande buffet. La nostra mini-guida agli aperitivi 'diversi' da fare in città o nei dintorni
quartieri di firenze
Primo piano

Cosa fare a Firenze nel fine settimana del 17 febbraio

Food truck, baby-carnevale o partita del calcio storico? Qualche idea per passare questo weekend a Firenze, tra eventi, feste e... un grande cuore floreale per tutti gli innamorati
news
Focus
Agenda
Attualità
Dalla città
Focus

Linea 2 della tramvia, qual è il percorso e dove sono le fermate video

Finiti i lavori si avvicina l’inaugurazione della linea 2 della tramvia. Ecco la mappa del nuovo tracciato e di tutte le fermate per non farsi trovare impreparati quando partirà la T2

Florence4ever: Mariah Carey e John Legend in concerto a Firenze

A giugno, allo stadio Artemio Franchi, arrivano due stelle della musica per Florence4ever, evento nato grazie al nuovo sponsor della Fiorentina Dream Loud

La storia dell’Isolotto in una mostra fotografica

Per due mesi la Galleria Isolotto ospita la mostra antologica che conclude il ciclo di esposizioni ''Non case ma città'' dedicata agli scatti storici del rione alla prima periferia di Firenze

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina