domenica 16 dicembre 2018

Il Sessantotto fiorentino al Museo Novecento

A 50 anni di distanza una ricerca sui luoghi, le immagini, le parole dei movimenti di protesta nella città di Firenze. Ingresso gratuito
Redazione
Sessantotto a Firenze

Per un giorno, il Museo del Novecento torna indietro di mezzo secolo, fino ai movimenti di protesta del Sessantotto a Firenze. Martedì 30 ottobre alle 18 il museo dedicato al Secolo Breve ospita un incontro dedicato a questo tema: una ricerca sui luoghi, le immagini, le parole dei movimenti di protesta nella città di Firenze a cura di Pinangelo Marino.

Il progetto ricorre a strumenti moderni di comunicazione, in un possibile dialogo con le nuove generazioni e che parte dalla presentazione del portale nato dal lavoro di Adriana Dadà, storica e vicepresidente dell'Archivio il sessantotto, che presenterà I luoghi del '68 a Firenze, un lungo lavoro di ricerca sul Sessantotto nell'area fiorentina, che è stato documentato principalmente attraverso periodici, volantini, manifesti e documenti, integrati dalle interviste di coloro che hanno vissuto quel periodo.

"Il Sessantotto a Firenze"

I materiali sono stati analizzati e riproposti con gli strumenti della comunicazione attuale (siti, app, geolocalizzazione) e dell'intervento artistico, restituendo, sotto nuove forme, i contenuti e le modalità della comunicazione che hanno cambiato la società di allora. Alla presentazione del portale farà seguito la proiezione di Noi eravamo il cambiamento, video sull'Accademia di Belle Arti nel '68 con interviste a Delio Contemori, Andrea Granchi e Edoardo Malagigi.

A seguire Tommaso Tozzi, docente dell’Accademia di Belle Arti di Firenze, introdurrà Arte e comunicazione attraverso la rilettura del '68, frutto della collaborazione con l'Archivio il sessantotto, che ha visto il coinvolgimento degli allievi dell’Accademia che, nell'occasione, presenteranno i loro lavori al Museo Novecento. L’ingresso, libero fino ad esaurimento posti, non prevede l’accesso al percorso museale.

29 ottobre 2018
articoli correlati

Dodici giorni davanti al pubblico: nuova "re-performance" di Marina Abramovic

Vivere in isolamento e digiuno all'interno della mostra, senza pareti e sempre visibile ai visitatori. La performer Tiina Pauliina Lehtimäki esegue dal vivo "The House with the Ocean View" di Marina Abramovic fino al 16 dicembre

Che c’è di nuovo alla Palazzina dell’Indiano

Alla ‘fine’ delle Cascine nasce uno spazio espositivo e un luogo dedicato alle le arti performative, con una caffetteria e un angolo libri. Ci sono anche tante attività gratuite per tutta l’estate

Capodanno cinese 2018, sotto il segno del cane

Per qualcuno la fine dell'anno deve ancora venire: il Capodanno cinese che quest'anno cade a metà febbraio. E per festeggiarlo ci sono lanterne, fuochi e menu speciali
quartieri di firenze
Primo piano

Non solo mercatini: cosa fare a Firenze nel weekend

Babbi Natale in moto, la Firenze del futuro, scuole aperte per i più giovani, mostre e spettacoli. Cosa fare a Firenze nel fine settimana del 15 e 16 dicembre
news
Focus
Agenda
Attualità
Dalla città
Focus

Natale nei musei di Firenze (con i bambini)

Le attività per le famiglie organizzate nei luoghi d'arte della città. Ecco i musei di Firenze che propongono visite speciali a misura di bambino durante le vacanze natalizie

Le scuole si presentano 2018: a Firenze ''open day'' per 38 istituti superiori

Licei, istituti tecnici e professionali. Nella palestra di viale Malta quasi 40 scuole superiori di Firenze si mettono in mostra per il salone di orientamento promosso dal Comune

Dodici giorni davanti al pubblico: nuova "re-performance" di Marina Abramovic

Vivere in isolamento e digiuno all'interno della mostra, senza pareti e sempre visibile ai visitatori. La performer Tiina Pauliina Lehtimäki esegue dal vivo "The House with the Ocean View" di Marina Abramovic fino al 16 dicembre

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina