domenica 16 dicembre 2018

Inchiesta Menarini, fratelli Aleotti assolti

La Corte d'appello di Firenze ha disposto l'assoluzione per Lucia e Alberto Giovanni Aleotti, proprietari della multinazionale farmaceutica Menarini, sotto inchiesta per un presunto caso di riciclaggio, corruzione ed evasione fiscale
Redazione
Inchiesta Menarini, assolti i fratelli Aleotti

I fratelli Lucia e Alberto Giovanni Aleotti, proprietari della multinazionale farmaceutica Menarini, sono stati assolti dalla Corte d’appello di Firenze nel processo che li vedeva imputati di riciclaggio, corruzione ed evasione fiscale. Una vittoria piena, come hanno commentato con sollievo i legali dei due fratelli dopo la lettura della decisione che ha completamente ribaltato la sentenza di primo grado.

Menarini, assoluzione piena per gli Aleotti

La Corte ha assolto Lucia Aleotti dall’accusa di riciclaggio “per non aver commesso il fatto” e da quella di aver usato lo scudo fiscale come strumento di riciclaggio “perché il fatto non sussiste”. Alberto Giovanni Aleotti è stato invece assolto dall’accusa di riciclaggio “perché il fatto non sussiste” ed è stato dichiarato non punibile per concorso in reati presupposti di evasione fiscale.

La Corte ha inoltre ordinato la restituzione agli Aleotti di 700 milioni di euro, ciò che oggi resta dell’1,2 miliardi di euro sequestrato all’inizio dell’inchiesta dopo condoni, scudi fiscali e altre sanatorie applicate alla somma negli anni.

Storia dell'inchiesta Aleotti

L’inchiesta a carico di Sergio Aleotti, patron della multinazionale poi deceduto nel 2014, e dei figli inizia nel 2010. Secondo l’accusa, la società avrebbe messo in atto un sistema di società estere fittizie per acquistare i principi attivi dei farmaci a prezzi gonfiati con fatture false, in modo da ottenere poi maggiori rimborsi da parte del sistema sanitario pubblico italiano. Un sistema che sarebbe andato avanti dalla metà degli anni ’80.

 

Nel settembre 2016 il tribunale aveva condannato in primo grado Lucia Aleotti a 10 anni e 6 mesi e Giovanni Alberto a 7 anni e 6 mesi di reclusione.

6 dicembre 2018
articoli correlati

Morte Astori, indagati due medici

Svolta nell'indagine: la procura di Firenze ha iscritto nel registro degli indagati i due medici, di Firenze e Cagliari, che si sarebbero occupati della visita per l'idoneità sportiva del capitano viola, morto improvvisamente lo scorso 4 marzo. Per loro l'accusa è di omicidio colposo

Maxi esercitazione a Bagno a Ripoli

Un test per la macchina dei soccorsi e per la protezione civile. Tra Villamagna, Antella e Grassina un'esercitazione organizzata dalla Misericordia di Badia a Ripoli

L'arte contemporanea arriva al Palazzo di Giustizia

Il Palazzo di Giustizia a Novoli si arricchisce di cinque opere d'arte che mettono in scena il tema dei diritti umani e civili, due di queste realizzate da ragazzi under 35
quartieri di firenze
Primo piano

Non solo mercatini: cosa fare a Firenze nel weekend

Babbi Natale in moto, la Firenze del futuro, scuole aperte per i più giovani, mostre e spettacoli. Cosa fare a Firenze nel fine settimana del 15 e 16 dicembre
news
Focus
Agenda
Attualità
Dalla città
Focus

Natale nei musei di Firenze (con i bambini)

Le attività per le famiglie organizzate nei luoghi d'arte della città. Ecco i musei di Firenze che propongono visite speciali a misura di bambino durante le vacanze natalizie

Le scuole si presentano 2018: a Firenze ''open day'' per 38 istituti superiori

Licei, istituti tecnici e professionali. Nella palestra di viale Malta quasi 40 scuole superiori di Firenze si mettono in mostra per il salone di orientamento promosso dal Comune

Dodici giorni davanti al pubblico: nuova "re-performance" di Marina Abramovic

Vivere in isolamento e digiuno all'interno della mostra, senza pareti e sempre visibile ai visitatori. La performer Tiina Pauliina Lehtimäki esegue dal vivo "The House with the Ocean View" di Marina Abramovic fino al 16 dicembre

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina