sabato 23 febbraio 2019

Presidenti di Quartiere, a Firenze arriva l’elezione diretta

Elezioni dei Consigli di Quartiere si cambia: sarà possibile votare direttamente il presidente. Il Consiglio comunale ha dato l’ok. Tutte le novità
Redazione
Presidente Quartiere Firenze elezione

Arrivano novità per le prossime elezioni amministrative a Firenze: da quest’anno sarà possibile votare direttamente il presidente di Quartiere.

Il Consiglio comunale di Firenze ha dato il via libera a questa “mini-riforma”, modificando lo Statuto e il regolamento cittadino. Al risultato si è arrivati dopo mesi di lavoro da parte della commissione speciale di Palazzo Vecchio.

Presidenti di Quartiere, cosa cambia

Nonostante le campagne elettorali finora fossero incentrate sul candidato presidente di Quartiere, il “numero uno” dei consigli decentrati veniva scelto dai consiglieri di Quartiere appena eletti, in base alle direttive politiche.

Da oggi si cambia: i cittadini di una delle 5 zone in cui è stata divisa amministrativamente la città potranno votare direttamente un candidato alla carica di presidente dei Quartiere. Sulla scheda elettorale sarà quindi possibile tracciare un segno sul simbolo della lista scelta (e in questo modo il voto andrà direttamente al candidato presidente di quello schieramento) e poi indicare due preferenze per i consiglieri di Quartiere. Sarà anche possibile votare solo il candidato presidente, un po' come succede per le elezioni comunali.

Presidenti Quartiere come si vota Firenze

Villa Pallini, sede del Quartiere 5

Elezioni di Quartiere, no al voto disgiunto

A differenza delle consultazioni per il sindaco, quelle per il presidente del Quartiere saranno a turno unico, senza ballottaggio, e non è previsto il voto disgiunto, ossia non sarà possibile votare il candidato presidente di una coalizione e indicare i consiglieri di uno schieramento diverso che non sostiene quel candidato.

Al vincitore andrà anche un premio di maggioranza: chi avrà raccolto più preferenze otterrà oltre il 60% dei seggi.

I commenti

Ci sono volute 8 sedute della commissione speciale e 4  mesi di lavoro per arrivare  a un testo condiviso tra le varie forze politiche. Un accordo che è arrivato prima del previsto: la data di chiusura dei lavori era stata fissata inizialmente al prossimo 31 dicembre.

“L’elezione diretta del presidente di quartiere va verso la sempre maggior richiesta di rappresentanza diretta da parte dei cittadini e rilancia il ruolo dei Quartieri e dei loro presidenti in maniera sempre più forte”, commenta la presidente della Commissione speciale revisione decentramento comunale, Francesca Paolieri - i presidenti di quartiere avranno un ruolo sempre più importante nella rappresentanza dei cittadini e saranno ancora più vicini ai problemi del territorio”.

La proposta iniziale è arrivata da Forza Italia, che insieme a Fratelli d'Italia ha votato sì per le modifiche allo Statuto. "Saranno direttamente i cittadini a scegliere – spiega il capogruppo di Forza Italia Jacopo Cellai –, perché dalle prossime elezioni troveranno sulla scheda i nomi dei candidati a presidente. Si restituisce così ai cittadini la libertà di poter scegliere chi sarà il tramite tra di loro e il Comune. Questo infatti è il fondamentale ruolo dei presidenti dei quartieri cittadini".

“Alleanza Nazionale e Forza Italia ne parlavano già sul finire degli anni ‘90 - aggiunge Francesco Torselli, capogruppo di Fratelli d’Italia - a testimonianza di quanto il centrodestra fiorentino sia sempre stato lungimirante su temi che oggi vanno decisamente più ‘di moda’ di allora: la partecipazione, il coinvolgimento dell’elettorato più giovane, la lotta all’astensionismo, la democrazia diretta. Oggi, con qualche anno di distanza, l’elezione diretta dei presidenti dei quartieri diventa realtà”. 

Voto contrario invece da parte di Art.1 – Mdp e del gruppo Firenze riparte a sinistra. "I presidenti dei Quartieri saranno eletti direttamente dai cittadini, ma non avranno nessun potere. Alla riforma elettorale non corrisponde nessun aumento di funzioni – dicono i consiglieri-  col sistema elettorale congegnato dall'alleanza nella commissione speciale Pd-Forza Italia si avrà la maggioranza solo con un voto in più. Per esempio ci potrebbe essere una maggioranza col 33% e le opposizioni col 67%. Un 'occasione persa per dare ai Quartieri autonomie, strumenti, risorse per stare vicino alle persone". Il Movimento 5 Stelle, infine, si è astenuto.

15 gennaio 2019
articoli correlati

Nardella a Conte: ''Sulle autonomie regionali ascoltate i sindaci'' / VIDEO

Il primo cittadino durante il suo intervento a Montecitorio ha lanciato un appello al premier conte. Nardella era alla Camera dei deputati insieme ad altri sindaci per l'inziativa dell'Anci sui beni comuni

Leopolda 2018: Renzi lancia un 'Ritorno al futuro'

Nona edizione per il convegno politico organizzato da Matteo Renzi. Tra giovani, fake news, legalità e proposte per la manovra, saranno lanciati i comitati di resistenza civile contro la "spaventosa incapacità grillo-leghista”

Simona Bonafè è la segretaria toscana del Pd

I risultati delle primarie del Partito Democratico in Toscana: l’europarlamentare Simona Bonafè è stata eletta segretaria regionale del Pd
quartieri di firenze
Primo piano

Firenze attrae più investimenti di Roma e Torino

I dati di Nomisma stilano la classifica delle città con la maggiore attrattività per gli investimenti. Firenze si piazza al secondo posto dopo Milano, grazie a turismo, il mercato immobiliare e spesa
news
Focus
Agenda
Attualità
Dalla città
Focus

I Negramaro in concerto a Firenze con “L’Amore Che Torni Tour Indoor”

Fa tappa al Mandela Forum il tour della pop band salentina. Due date da tutto esaurito e tanta emozione per il gruppo, che torna sul palco dopo mesi dal grave malore che aveva colpito il chitarrista

In Toscana addio al ticket sanitario da 10 euro per gli esami diagnostici

Nei prossimi mesi scomparirà il superticket di 10 euro per la digitalizzazione, che tutti gli utenti devono pagare per le prestazioni come ecografie, radiografie e risonanze magnetiche

Linea 2 della tramvia, qual è il percorso e dove sono le fermate video

Finiti i lavori si avvicina l’inaugurazione della linea 2 della tramvia. Ecco la mappa del nuovo tracciato e di tutte le fermate per non farsi trovare impreparati quando partirà la T2

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina