sabato 23 febbraio 2019

Il nuovo regolamento per le botteghe storiche fiorentine

Antichi o con più di mezzo secolo di vita. Sono gli esercizi storici di Firenze che il Comune ha racchiuso in un albo. Confermate le agevolazioni, in arrivo vincoli e tutele per i locali e le attività
Redazione
Botteghe storiche Firenze

Foto: Il Reporter - GC

Un esercito fatto di ristoranti, bar, artigiani, librerie, ma anche mercerie, farmacie, barbieri e ortolani, per un totale di 270 botteghe storiche fiorentine: 150 sono “blindate" perché eccellenze, non potranno ad esempio cambiare insegna o settore di attività, altre 120 sono considerate negozi tradizionali della città ed avranno diritto ad agevolazioni.

È quanto prevede il nuovo regolamento per le attività storiche del Comune, che ha avuto l’ok della giunta: in base a queste regole è stato stilato il nuovo albo degli esercizi storici di Firenze, quelli che hanno più di 50 anni di vita. Un elenco che è provvisorio perché il censimento continua.

Cosa prevede il regolamento delle botteghe storiche fiorentine

Per la prima volta in Italia un Comune stabilisce un vincolo per le attività commerciali storiche, considerate eccellenze. A Firenze per 150 negozi è previsto un vincolo di salvaguardia che impedisce, a seconda dei casi, di cambiare uno o più aspetti delle botteghe: la destinazione del fondo (se artigianale, commerciale), il tipo di attività, ma anche l’insegna, gli arredi fissi e la mobilia.

Tra le tante attività, i vincoli scatteranno anche per il celebre caffè delle Giubbe Rosse in piazza della Repubblica, uno dei più antichi della città. Per la seconda categoria, 120 attività indicate come "storiche tradizionali", sono previste agevolazioni, tra cui quelle che riguardano l'Imu, iniziative di tutela e di promozione.

“Un lavoro coraggioso, primo del genere in Italia, anche dal punto normativo, e che dà per la prima volta ai comuni gli strumenti per tutelare le attività storiche e resistere agli attacchi della rendita”, commenta l’assessore allo Sviluppo economico Cecilia Del Re.

regolamento albo esercizi storici fiorentini -civaiolo

La promozione degli esercizi storici di Firenze

Oltre alle agevolazioni Imu, che Palazzo Vecchio riconosce da tre anni alle attività storiche, è in corso anche un lavoro di promozione turistica. Le attività comprese nell’albo saranno inserite nella piattaforma di “Destination Florence”, negli itinerari e nei materiali turistici, nella app Firenze turismo e avranno l’ingresso gratuito nella Firenze Card Plus. In arrivo anche dei loghi sulle vetrine per riconoscere a primo colpo d’occhio questi negozi.

Il regolamento entrerà in vigore a marzo e lo stesso mese, il 25, alle 270 attività storiche inserite nell’albo saranno consegnati gli attestati durante una cerimonia nel salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio.

6 febbraio 2019
articoli correlati

Gli 'amici' che vogliono salvare il presepe

Quella del presepe è una tradizione ancora viva? Anche a Firenze è attiva l'associazione Amici del presepio che lavora per preservare questa usanza

Chi viene e chi resta tra le botteghe delle Cure foto

Dallo storico orologiaio al giovane liutaio. I negozi del rione fiorentino delle Cure custodiscono tante storie. Noi ve ne raccontiamo alcune

Conosci tutti i rioni di Firenze sud?

Non solo Gavinana, ma anche una 'Nave' e delle 'speciali' Cascine che prendono il nome da un'antica famiglia nobile. Viaggio tra le piccole frazioni a sud della città
quartieri di firenze
Primo piano

Firenze attrae più investimenti di Roma e Torino

I dati di Nomisma stilano la classifica delle città con la maggiore attrattività per gli investimenti. Firenze si piazza al secondo posto dopo Milano, grazie a turismo, il mercato immobiliare e spesa
news
Focus
Agenda
Attualità
Dalla città
Focus

I Negramaro in concerto a Firenze con “L’Amore Che Torni Tour Indoor”

Fa tappa al Mandela Forum il tour della pop band salentina. Due date da tutto esaurito e tanta emozione per il gruppo, che torna sul palco dopo mesi dal grave malore che aveva colpito il chitarrista

In Toscana addio al ticket sanitario da 10 euro per gli esami diagnostici

Nei prossimi mesi scomparirà il superticket di 10 euro per la digitalizzazione, che tutti gli utenti devono pagare per le prestazioni come ecografie, radiografie e risonanze magnetiche

Linea 2 della tramvia, qual è il percorso e dove sono le fermate video

Finiti i lavori si avvicina l’inaugurazione della linea 2 della tramvia. Ecco la mappa del nuovo tracciato e di tutte le fermate per non farsi trovare impreparati quando partirà la T2

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina