Home Sezioni Arte & Cultura Mostre a Firenze, giugno 2022: le esposizioni in corso oggi

Mostre a Firenze, giugno 2022: le esposizioni in corso oggi

Tutte le principali mostre da vedere a Firenze in questo mese di giugno, dai capolavori donatelliani in Palazzo Strozzi fino ai fumetti al Museo degli Innocenti

Mostre firenze giugno 2022 Palazzo Strozzi cortile
L'installazione nel cortile di Palazzo Strozzi - Foto: Ela Bialkowska OKNO studio

Le mostre a Firenze, in corso durante il mese giugno 2022, permettono di spaziare dai capolavori rinascimentali di Donatello (tra Palazzo Strozzi e il Bargello), alle ultime frontiere dell’arte digitale, fino ai capolavori del fumetto. Nel mezzo di questo cammino anche interessanti esponenti del Novecento, come Oscar Ghiglia e Filippo de Pisis, senza dimenticare l’iconico Quarto Stato di Pellizza da Volpedo, ospitato in Palazzo Vecchio ancora per poche settimane. Ecco quindi le migliori mostre in corso a Firenze, da vedere assolutamente:

Mostre in corso a Firenze: Donatello a Palazzo Strozzi e al Museo del Bargello

È una delle mostre più visitate a Firenze in questo 2022: giugno è il penultimo mese per ammirare Donatello – il Rinascimento, un evento storico e irripetibile che mette insieme due spazi espositivi della città, Palazzo Strozzi e il Museo del Bargello per tracciare un “ritratto” inedito di uno dei più grandi scultori di tutti i tempi.

In passato sono state organizzate altre 2 retrospettive sul maestro rinascimentale, ma mai così approfondite. L’esposizione, a cura di Francesco Caglioti, porta a Firenze 130 opere ed è stata concepita come una mostra unica, dal piano nobile di Palazzo Strozzi fino al Bargello, dove alcuni capolavori di Donatello come il San Giorgio, il David e il Marzocco dialogano con prestiti dai principali musei del mondo. Qui tutto quello che c’è da sapere sulla mostra su Donatello a Firenze.

Donatello, Il Rinascimento
Palazzo Strozzi e Museo del Bargello
Fino al 31 luglio 2022
Orari: tutti i giorni dalle 10 alle 20, giovedì fino alle 23
Biglietti acquistabili anche online

La mostra “Donatello. Il Rinascimento” in Palazzo Strozzi. Foto: Ela Bialkowska OKNO studio

Palazzo Strozzi: nuove mostre di arte contemporanea anche a giugno 2022

L’arte digitale ha invaso Palazzo Strozzi, dal cortile rinascimentale  agli spazi al piano interrato della Strozzina, per una delle mostre più interessanti di Firenze dedicata alle nuove frontiere della Crypto art e degli NFT, che continua anche a giugno. La rassegna, intitolata Let’s get digital, indaga questo mondo grazie alle opere di artisti internazionali come Anyma, Daniel Arsham, Beeple, Krista Kim e Andrés Reisinger.

Si tratta di forme artistiche basate sulla digitalizzazione e che tramite i sistemi di blockchain (una sorta di “certificazione di autenticità” del terzo millennio) diventano degli Nft (non-fungible token) ossia pezzi unici, non replicabili o sostituibili. A dare il benvenuto ai visitatori, nel cortile (aperto per tutti gratis) è l‘installazione site specific di Refik Anadol: una grande opera dinamica e ipnotica in cui i dettagli di 12mila capolavori vengono fusi sullo “schermo-monolite” in un flusso continuo creato dall’intelligenza artificiale.

Let’s Get Digital!
Palazzo Strozzi – Strozzina e cortile rinascimentale
Fino al 31 luglio 2022
Orari: tutti i giorni 10.00-20.00; giovedì 10.00-23.00

2 mostre al Forte Belvedere di Firenze

Dal 18 giugno 2022 riapre il Forte Belvedere di Firenze con due mostre ospitate nella Palazzina fino ai primi giorni di autunno. La prima è dedicata a Rä di Martino, artista e videomaker contemporanea con la personale Play it again a cura di Sergio Risaliti e organizzata dall’associazione Mus.e.

Il secondo appuntamento prosegue il programma di mostre fotografiche organizzate nella fortezza panoramica di Firenze. Stavolta l’evento  è organizzato su due sedi, tra il Forte Belvedere e Villa Bardini. Fotografe, curata Emanuela Sesti e Walter Guadagnini, propone scatti di ieri e di oggi affiancando le opere conservate negli Archivi Alinari con produzioni contemporanee.

Play it again + Fotografe!
Forte Belvedere
Fino al 2 ottobre 2022
Orari: dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 20

Il Quarto Stato in mostra a Firenze, fino al 30 giugno 2022

Tra le mostre temporanee a Firenze, ricordiamo l’evento speciale che ha portato in Palazzo Vecchio il Quarto Stato di Giuseppe Pellizza da Volpedo: c’è tempo solo fino al 30 giugno per ammirare l’opera. L’enorme dipinto, grande quasi sei metri per tre e realizzato alla fine del Ventesimo secolo, è esposto nel Salone dei Cinquecento.

È la prima volta che il Museo del Novecento di Milano lo ha concesso in prestito dopo ben 14 anni. Proprio a Firenze Pellizza da Volpedo soggiornò e frequentò l’Accademia di Belle Arti, sotto l’insegnamento di Giovanni Fattori. Sempre in Palazzo Vecchio, più precisamente nella Sala Leone X, fino al 18 settembre è visibile La Pace di Antonio Canova, la celebre versione in gesso della scultura in marmo custodita all’interno del Museo Nazionale Khanenko di Kiev.

Il Quarto Stato di Pellizza da Volpedo
Palazzo Vecchio, Salone dei Cinquecento
Fino al 30 giugno 2022
Orari del museo: lunedì, martedì, mercoledì, venerdì, sabato, domenica 9-19; giovedì 9-14

Mostre temporanee a Firenze, giugno 2022: K(C)ongo a Palazzo Pitti

Per chi visita uno dei più importanti musei di Firenze, c’è una mostra temporanea in corso a giugno 2022, compresa nel biglietto di ingresso. Nell’Andito degli Angiolini di Palazzo Pitti hanno preso posto le installazioni di Sammy Baloji, per la prima personale dell’artista congolese intitolata K(C)ongo, Fragments of Interlaced Dialogues. Subversive Classifications.

Qui le opere contemporanee dialogano con oggetti degli antichi Regni Kongo, custoditi nella reggia medicea, come ad esempio quattro preziose trombe cerimoniali d’avorio intarsiate. A quest’ultime è ispirato il tappeto decorato di 88 metri che accompagna il visitatore nelle sette sale.

Palazzo Pitti
K(C)ongo, Fragments of Interlaced Dialogues. Subversive Classifications
dal 26 aprile al 26 giugno e dal 6 settembre al 27 novembre 2022

Le installazione di Sammy Baloji in Palazzo Pitti, una delle mostre in corso a Firenze nel mese di giugno 2022

Tre Pietà di Michelangelo al Museo del Duomo

Per quanto riguarda le mostre in corso all’interno dei musei di Firenze, a giugno 2022 è possibile ancora ammirare le tre “facce” dell’arte di Michelangelo, a pochi passi dalla Cattedrale di Santa Maria del Fiore. Nel Museo dell’Opera del Duomo Le tre Pietà di Michelangelo. Non vi si pensa quanto sangue costa è un’esposizione inedita che mette insieme l’originale della Pietà Bandini, di cui è finito il restauro, e i calchi della Pietà Vaticana e della Pietà Rondanini provenienti dai Musei Vaticani.

La mostra  si concentra sull’evoluzione artistica e spirituale del genio di Michelangelo, attraverso tre opere realizzate in più di mezzo secolo di vita. Sulla Pietà Vaticana, scolpita all’età di vent’anni a Roma e destinata all’antica San Pietro, sono incise le parole “Lo fece il fiorentino Michelangelo Buonarroti”. La Pietà Bandini, realizzata a quasi settant’anni, porta con sé tutto il peso dell’età di Michelangelo che, preso da un atto d’ira, provò addirittura a distruggerla. Infine la Pietà Rondanini, l’ultima opera mai compiuta di Michelangelo Buonarroti, a cui lavorò fino al giorno della sua morte.

Le tre Pietà di Michelangelo. Non vi si pensa quanto sangue costa
Museo del Duomo di Firenze, fino al 1° agosto 2022
Orari di apertura: tutti i giorni dalle 10.15 alle 16.15

Mostre in corso a Firenze: alla Galleria dell’Accademia 9 volti di Michelangelo (prorogata)

Altro evento dedicato al celebre scultore è quello ospitato alla Galleria dell’Accademia di Firenze. Michelangelo: l’effigie in bronzo di Daniele da Volterra è una mostra studio unica, curata da Cecilie Hollberg, che vede riuniti per la prima volta 9 busti che ritraggono Michelangelo Buonarroti, attributi da Daniele Ricciarelli, detto “da Volterra”. L’artista è stato un allievo e un amico di Michelangelo, a cui venne affidato il compito di creare tre ritratti in bronzo del maestro. Alla morte di Daniele Da Volterra, le opere rimasero incompiute.

Uno dei busti in mostra alla Galleria dell’Accademia. Foto: Guido Cozzi

Il problema della cronologia e della fusione di queste effigi è un’enigma per gli storici dell’arte. La mostra di Cecilie Hollberg vuole indagare proprio questo mistero. Il percorso propone, oltre alla possibilità di analizzare a occhio nudo i vari busti, gli approfondimenti e le scoperte fatte usando moderne tecnologie come analisi geologiche delle terre di fusione e nucleari.

Michelangelo: l’effigie in bronzo di Daniele da Volterra
Galleria dell’Accademia, prorogata fino al 31 luglio 2022
Orari: dal martedì alla domenica 9.00 – 18.45; dal 21 giugno dalle 8.15 alle 18.50

Le mostre a Palazzo Medici Riccardi, giugno 2022: Oscar Ghiglia

Nel calendario delle mostre temporanee organizzate nei musei di Firenze figura anche Oscar Ghiglia – Gli anni di Novecento, retrospettiva che continua anche durante il mese di giugno 2022 in Palazzo Medici Riccardi. L’esposizione, a cura di Leonardo Ghiglia, Lucia Mannini e Stefano Zampieri, offre al pubblico la possibilità di conoscere le opere di un grande pittore del Novecento italiano, legato tanto alla Toscana quanto  alle vicende artistiche europee del suo tempo.

Nato a Livorno, Ghiglia ha scelto Firenze come città per la sua produzione artistica e partendo dagli insegnamenti di Giovanni Fattori ha seguito le novità che arrivavano dalla Francia, anche con una vasta produzione durante gli anni di Novecento, il movimento artistico che si sviluppò intorno alla figura di Margherita Sarfatti.

Oscar Ghiglia – Gli anni di Novecento
Palazzo Medici Riccardi, fino al 13 settembre 2022 – museo chiuso dall’11 al 14 giugno 2022
Orario: tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00, mercoledì chiuso

Street art nella Galleria della Carrozze di Palazzo Medici Riccardi

Usciti da Palazzo Medici Riccardi si può subito entrare in una seconda mostra, di tutt’altro genere. La Galleria delle Carrozze, con accesso da via Cavour 5, per 3 mesi si colora delle creazioni dello street artist Skim, al secolo Francesco Forconi. Genesi – L’armonia del Kaos ripercorre le tappe dei lavori dell’artista fiorentino, dai primi disegni degli anni del diploma fino alle produzioni più recenti e a due installazioni site-specific: un pianoforte trasformato in opera d’arte (che può essere suonato dai visitatori) e un muro realizzato con la tecnica dei graffiti. L’ingresso è gratuito.

Genesi – L’armonia del Kaos
Galleria delle Carrozze di Palazzo Medici Riccardi, via Cavour 5
Orari: dal lunedì alla domenica 10.00-19.00

Skim e il curatore della mostra Simone Teschioni Gallo. Foto di Stefano Cerbai

A Firenze mostra (digitale) su Leonardo da Vinci

Si è aperto a giugno il nuovo appuntamento dedicato alle mostre immersive nella Cattedrale dell’Immagine di Santo Stefano al Ponte, nel centro di Firenze: Da Vinci Experience fa vivere i capolavori e le invenzioni di Leonardo. 35 minuti di video immersivo, suddivisi in blocchi tematici, conducono lo spettatore in un viaggio che parte dal racconto cronologico della biografia di questa figura iconica per arrivare ai temi cari al genio toscano grazie a effetti visivi.

Ad arricchire la mostra i modelli di macchine leonardesche, da vedere nella sezione didattica, riproduzioni anastatiche dei disegni di Leonardo, presenti nella parte introduttiva, la Da Vinci VR Experience che con i visori di realtà virtuale permetterà di confrontarsi con il funzionamento delle invenzioni e infine la Mirror Room, un caleidoscopio di immagini dove immergersi nelle opere vinciane. L’evento prodotto da Crossmedia, che ha fatto tappa in più di 20 città del mondo, è stato scelto dal Ministero degli Affari Esteri come produzione ufficiale per il 500esimo anniversario della morte di Leonardo.

Da Vinci Experience
Cattedrale dell’Immagine di Santo Stefano al Ponte
dal 2 giugno al 1° novembre 2022
Orari di apertura: tutti i giorni dalle ore 10:00 alle 18:30

Bonelli Story a Firenze: da Tex a Dylan Dog, da Zagor a Dragonero

Accanto alle classiche mostre d’arte e fotografiche, a Firenze da questo mese di giugno ha aperto anche un evento tutto dedicato al mondo dei fumetti. Nel Museo degli Innocenti, l’esposizione Bonelli Story ripercorre 80 anni della celebre casa editrice italiana specializzata in comics, famosa per personaggi come Tex, Zagor, Mister No, Martin Mystère, Dylan Dog, Nathan Never, Julia e Dragonero.

Su mille metri quadri di spazi espositivi arrivano 250 tavole originali, illustrazioni, pagine di sceneggiatura e tanta oggettistica, scenografie, allestimenti multimediali, filmati, materiali inediti. Tra giugno e settembre vengono organizzati inoltre laboratori per grandi e bambini.

Bonelli Story. Da Tex a Dylan Dog, da Zagor a Dragonero
Museo degli Innocenti
dal 1 giugno al 18 settembre 2022
Orari: lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì, sabato e domenica dalle 11 alle 18

La mostra “Bonelli Story” al Museo degli Innocenti di Firenze, da giugno a settembre 2022

3 mostre temporanee al Museo Novecento di Firenze

Tre artisti italiani di tre diverse generazioni sono messi a confronto nelle mostre temporanee ospitate al Museo Novecento di Firenze. Al primo piano arrivano oltre 40 opere di Filippo De Pisis per L’illusione della superficialità, esposizione nata da una rilettura critica dei lavori firmati dal pittore e letterato ferrarese, che anticipano gli espedienti dell’arte concettuale degli anni Sessanta.

Nelle sale al piano terra prende posto Quando è il presente? progetto dedicato a uno dei grandi maestri dell’arte italiana del Novecento, Giulio Paolini. Il pittore e scultore ricorre a un vasto repertorio di riferimenti letterari, mitologici e filosofici, richiamati attraverso la riproduzione fotografica, il collage e il calco in gesso. Proprio Filippo De Pisis e Giulio Paolini sono due importanti riferimenti per Luca Vitone, che per il Museo Novecento ha sviluppato alcune installazioni site specific per la mostra D’après (De Pisis – Paolini) tra sculture olfattive, fantocci ed erbari messi in relazione con le altre esposizioni temporanee. Le tre mostre sono incluse nel biglietto di ingesso che comprende anche la visita alla collezione permanente.

Filippo De Pisis. L’illusione della superficialità
Giulio Paolini. Quando è il presente?
Luca Vitone. D’après (De Pisis – Paolini)
Museo Novecento, fino al 7 settembre 2022
Orari: tutti i giorni dalle 11 alle 21, giovedì chiuso

Foto: Ela Bialkowska OKNO studio

Arte contemporanea: Trying to grow wings alle Murate

Il MAD – Murate Art District ospita Trying to grow wings, l’articolato progetto dell’artista serba Ana Vujovic che si sviluppa ei vari ambienti del complesso, dal portico esterno fino alle celle al primo piano. La mostra è il frutto di una lunga residenza negli spazi del centro di arte contemporanea ed è incentrata sulla tradizione pre-slavica della tessitura, antica arte femminile. Sete e carte pregiate disegnano opere variopinte e ricche di significato.

Previste anche visite guidate, gratuite e su prenotazione, ogni venerdì e sabato di giugno e luglio alle ore 15-16, 16.30-17.30, 18-19 (da martedì a giovedì su richiesta), oltre a laboratori gratuiti per bambini nei giorni 11-18-25 giugno e 2 luglio.

Trying to grow wings – Ana Vujovic
MAD – Murate Art District
Fino al 30 luglio 2022
Orari: dal martedì al sabato14.30-19.30