Home Sezioni Cronaca & Politica Cosa cambia dal 15 dicembre: cosa succede con l’obbligo vaccinale

Cosa cambia dal 15 dicembre: cosa succede con l’obbligo vaccinale

Terza dose e obbligo vaccinale: cosa cambia e cosa succede dal 15 dicembre 2021 per effetto del decreto super green pass, le regole

cosa cambia succede dal 15 dicembre 2021 obbligo vaccinale docenti covid

Dopo le nuove regole sul super green pass, in Italia dal 15 dicembre 2021 cambia il quadro normativo per alcuni lavoratori con l’estensione dell’obbligo vaccinale anti-Covid: ecco cosa succede da mercoledì prossimo e per chi scatta l’obbligo.

Green pass, terza dose e obbligo di vaccino: cosa cambia dal 15 dicembre 2021

Per quanto riguarda il green pass non ci sono novità rispetto alle regole scattate lo scorso 6 dicembre, che distinguono tra certificato verde base e super. Dal 15 dicembre l’obbligo vaccinale viene esteso anche alla terza dose per quelle categorie di lavoratori per cui è stata già imposta l’immunizzazione: gli operatori sanitari (medici, infermieri, ecc) e delle Rsa. Inoltre dal 15 dicembre non è più prevista la possibilità di essere impiegati in mansioni diverse se non ci si sottopone al vaccino anti-Covid.

“La vaccinazione costituisce requisito essenziale per l’esercizio della professione e per lo svolgimento delle prestazioni lavorative dei soggetti obbligati”, si legge nel decreto legge del super green pass, il n° 172/2021. Senza vaccino c’è la sospensione dall’attività e non è previsto il pagamento dello stipendio. A vigilare sull’obbligo vaccinale sono gli ordini professionali.

Obbligo vaccinale: cosa succede dal 15 dicembre per gli altri lavoratori e per i docenti

Dal 15 dicembre 2021 in Italia l’obbligo vaccinale non viene esteso a tutti i lavoratori, ma solo ad alcune specifiche categorie, ecco per chi cambia la normativa: personale amministrativo della sanità; docenti e personale amministrativo della scuola, personale ATA; militari e forze di polizia; personale del soccorso pubblico.

Per il mondo della scuola, una circolare del Miur ha chiarito che per andare al lavoro bisogna avere concluso il primo ciclo di vaccino (prima e seconda iniezione) ed essere in regola con la terza dose entro il termine di validità del super green pass, che dura fino a 9 mesi dalla seconda dose. Attualmente il sistema sanitario nazionale dà la possibilità di effettuare il richiamo booster già dopo 5 mesi dalla fine del ciclo primario. L’obbligo non riguarda il personale delle mense, delle pulizie e quello “impiegato nelle attività di ampliamento dell’offerta formativa o chi opera a supporto dell’inclusione scolastica”.

Chi è esente

Dal 15 dicembre non cambiano le norme sull’esenzione dall’obbligo vaccinale anti-Covid, chiarisce il decreto legge sul super green pass. La vaccinazione non deve essere fatta “solo in caso di accertato pericolo per la salute, in relazione a specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico di medicina generale – si legge nel provvedimento – nel rispetto delle circolari del Ministero della salute”.