venerdì, 25 Giugno 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaFurti nelle case, sgominata una...

Furti nelle case, sgominata una banda

Si è conclusa questa mattina all'alba, con una serie di arresti, l’operazione di polizia che ha permesso di far luce su una lunga serie di reati compiuti da alcuni appartenenti a famiglie ''sinti''. Ecco dove è successo.

-

Furti in appartamento, sgominata una banda dalla polizia.

ARRESTI. Questa mattina, alle prime ore dell’alba, è scattata con una serie di arresti la fase conclusiva di un’operazione di polizia condotta dagli uomini del Commissariato di Empoli, diretti dal dottor Maurizio Di Domenico in collaborazione con la Squadra Mobile di Firenze, il Reparto Prevenzione Crimine Toscana, i Commissariati di Viareggio (LU) e Fiumicino (RM).

L’OPERAZIONE. L’operazione, denominata “bandoni” (“imbroglioni” in dialetto empolese), ha permesso di far luce su una lunga serie di reati contro il patrimonio compiuti da gruppi criminali appartenenti a famiglie “sinti” da tempo stanziati sul territorio dell’Empolese Valdelsa e nella vicina provincia di Pisa. In particolare, nella mattinata sono stati catturati otto soggetti – di età compresa tra i 21 e i 41 anni, residenti a Empoli (FI), San Miniato (PI), Altopascio ( LU) e Camaiore (LU) – ritenuti gravemente indiziati di far parte di un’associazione a delinquere finalizzata ai furti in appartamento e in esercizi commerciali, oltre ai reati di ricettazione e uso indebito di carte di credito. L’attività investigativa del Commissariato di Empoli ha inoltre portato alla denuncia di altre 18 persone che, a vario titolo, avrebbero concorso nei singoli episodi di furto e ricettazione.

INDAGINI. Le indagini erano iniziate nel mese di marzo dello scorso anno, a seguito di un tentativo di furto in un’abitazione a Empoli, e nei mesi a seguire sono state supportate da intercettazioni ambientali e telefoniche che hanno permesso di monitorare l’attività delittuosa di un gruppo di soggetti di etnia “sinti”, individuando una vera e propria associazione a delinquere finalizzata alla consumazione di reati contro il patrimonio quali la ricettazione, i furti in abitazione ed esercizi commerciali, furti di motoveicoli e perfino di rame.

FURTI. Secondo gli inquirenti, sono attribuibili al gruppo criminale almeno 25 furti consumati nella provincia di Firenze in ditte, abitazioni e ville, tra casseforti, gioielli e armi; episodi criminali consumati prevalentemente tra il marzo e il giugno 2010 oltre ad alcuni risalenti addirittura al 2008. Nel corso dell’attività, la polizia ha recuperato e restituito ai legittimi proprietari diversa refurtiva consistente in preziosi, valori e motoveicoli per un ammontare complessivo di quasi 40mila euro. Questo importante risultato operativo si inserisce nel quadro di intensificazione dei servizi di Polizia disposti dal Questore Francesco Zonno nell’ambito del contrasto al fenomeno dei furti in appartamento.

“Ho mangiato il mio cane”: macabra scoperta nella periferia fiorentina

Ultime notizie