Home Sezioni Cronaca & Politica Quanto dura il green pass dopo la terza dose di vaccino e...

Quanto dura il green pass dopo la terza dose di vaccino e quando arriva

Cosa succede al green pass se si fa la terza dose di vaccino anti-Covid: per quanto tempo vale la certificazione verde dopo il richiamo aggiuntivo

green pass dopo terza dose quanto dura fino a quando vaccino covid

L’Italia punta sul richiamo aggiuntivo, ma il green pass ottenuto dopo la terza dose di vaccino anti-Covid quanto dura e qual è la scadenza del certificato? È la domanda che si pongono le persone che già ora possono sottoporsi all’iniezione “booster”, per potenziare la risposta immunitaria contro il coronavirus, e che hanno ottenuto la certificazione verde dopo la seconda somministrazione.

Sulla validità del green pass, il governo ha pubblicato una FAQ che riguarda proprio chi deve fare la terza dose.

Dopo quanto si può fare la terza dose e quando arriva il green pass

Per le categorie individuate dalle circolari del Ministero della Salute è prevista una somministrazione aggiuntiva dei vaccini Pfizer o Moderna. Si può fare la terza dose se si è un over 60, un operatore sanitario, una persona fragile ad alto rischio per il Covid e se sono passati almeno 6 mesi dalla seconda somministrazione (o dalla prima nel caso di Johnson & Johnson). L’iniezione aggiuntiva è prevista anche per il personale e gli ospiti delle Rsa.

A seguito della terza dose di vaccino, il green pass arriva il giorno dopo l’iniezione e si può scaricare dall’app Io, dall’applicazione Immuni o sul sito ufficiale www.dgc.gov.it. Le prime certificazioni verdi per la terza dose sono state rilasciate dalla piattaforma nazionale DGC all’inizio di ottobre 2021.

Quanto dura il green pass dopo la terza dose di vaccino anti-Covid: validità e scadenza

La certificazione verde dura 1 anno dalla seconda somministrazione. In caso di una terza dose di vaccino anti-Covid, entro 24 ore dall’iniezione sarà possibile scaricare il nuovo green pass che vale per 12 mesi dalla data del richiamo aggiuntivo.

Questo punto viene chiarito dalle FAQ del governo. Nei dettagli del nuovo certificato, sotto la voce che indica il numero di dosi effettuate, si visualizzerà la dicitura “3 dosi di2, nel caso si sia effettuata la terza dose, o “2 dosi di 1” per il richiamo a cui saranno sottoposte le persone vaccinate in un primo momento con il monodose Johnson & Johnson.

Certificato verde vicino alla scadenza, cosa fare

Ricordiamo che il green pass è valido da 15 giorni dopo la prima dose fino al richiamo (fino a un massimo di 12 settimane per AstraZeneca e di 41 giorni per Pfizer e Moderna). Dopo questo periodo il certificato risulterà scaduto e quindi per prorogare la validità di un anno bisognerà sottoporsi alla seconda dose.

Ancora non è chiaro cosa succederà per le categorie al momento esentate dalla terza dose, che nei prossimi mesi – trascorso un anno dal richiamo – avranno il green pass scaduto. I tempi però sono lunghi, perché la maggior parte della popolazione ha concluso il ciclo vaccinale in estate e quindi è coperta dalla certificazione verde per buona parte del prossimo anno. Chi invece è stato immunizzato per primo, come gli over 80 e gli operatori sanitari, viene sottoposto in queste settimane alla dose aggiuntiva.