Home Sezioni Cronaca & Politica Ordinanza contro il caro tamponi in Toscana

Ordinanza contro il caro tamponi in Toscana

Sarà valida dal 10 gennaio, in modo che non ci siano speculazioni sui prezzi

Ordinanza contro caro tamponi in Toscana

Tampone antigenico rapido al costo massimo di 15 euro, tampone molecolare al costo massimo di 80 euro. È il contenuto dell’ordinanza sui tamponi firmata dal governatore toscano Eugenio Giani per far sì che nessuno possa speculare sui test, necessari (e molto richiesti) in questo momento per accertarsi della positività al Covid, vista l’alta contagiosità della variante Omicron. L’ordinanza sarà valida dal 10 gennaio.

Tamponi a prezzi calmierati in Toscana: le strutture

Come spiega la Regione Toscana sono tenuti ad applicare questi prezzi calmierati tutte le strutture sanitarie private, le strutture sanitarie private autorizzate o accreditate con il servizio sanitario nazionale, nonché tutti gli altri soggetti autorizzati dalla Regione alla somministrazione di test antigenici rapidi e molecolari.

Speculazione sui tamponi non tollerabile

Giani ha detto che il diffondersi della variante Omicron ha fatto crescere a dismisura la richiesta dei tamponi antigenici rapidi e molecolari, tanto da determinare il coinvolgimento di strutture non solo pubbliche e un aumento dei prezzi che, sottolinea il presidente della Regione, “non possiamo più tollerare”. Ecco perché è stata firmata l’ordinanza antisciacallaggio.

Giani ha evidenziato che “è indecoroso che si speculi sulla salute e sulle preoccupazioni dei nostri cittadini in uno dei periodi più difficili che ci troviamo a vivere per l’emergenza sanitaria Covid”.