Home Sezioni Cronaca & Politica Fattoria dei ragazzi e Laboratorio didattico di Pratolino insieme per l’educazione

Fattoria dei ragazzi e Laboratorio didattico di Pratolino insieme per l’educazione

Protocollo firmato dall'assessore all'educazione Sara Funaro

Fattoria dei ragazzi e Laboratorio didattico del Parco di Pratolino insieme per l’educazione

Una “scuola” fatta di laboratori e attività didattiche da realizzare alla Fattoria dei ragazzi in collaborazione con il Laboratorio didattico ambientale del Parco mediceo di Pratolino per gli istituti di ogni ordine e grado. Questa la sfida proposta per triennio il 2021-2024 dal Comune di Firenze e dalla Città Metropolitana.

Fattoria dei ragazzi e Laboratorio didattico di Pratolino, una scuola per valorizzare il territorio

L’attività nella Fattoria, in collaborazione con il Laboratorio didattico ambientale del Parco mediceo di Pratolino, una volta partita avrà come obiettivo la valorizzazione delle risorse educative del territorio metropolitano e di Firenze per la creazione di un sistema territoriale per l’educazione alla sostenibilità.

La Fattoria dei ragazzi: cos’è e come funziona

La Fattoria dei ragazzi è una grande casa colonica con annessi agricoli e un appezzamento di terreno circostante, collocata nel cuore del Quartiere 4. Rappresenta un ambiente agricolo tipico della campagna Toscana a conduzione familiare con le coltivazioni tipiche del nostro paesaggio. È un luogo per fare esperienze concrete a diretto contatto con un prezioso angolo di campagna in città.

Le parole degli assessori Funaro e Perini

“Con questo protocollo, che è in linea con l’educazione agli obiettivi di sviluppo sostenibile di agenda 2030 – ha detto l’assessore Funaro -, continuiamo a investire sull’educazione ambientale e alla sostenibilità tra i nostri studenti e a valorizzare la Fattoria dei ragazzi. Che si presenta come un vero e proprio centro cittadino di educazione ambientale molto amato dagli studenti e dalle loro famiglie, dove da anni vengono offerte alle scuole opportunità interessanti e divertenti per svolgere esperienze formative a contatto con la natura, sviluppando negli studenti sensibilità e rispetto per l’ambiente”.