Non lo voleva nessuno, ora sembra diventato l’oggetto del desiderio di tutti.

AMAURI. Sembrava ormai quasi fatto il matrimonio tra Amauri e la Fiorentina, ma negli ultimi giorni – stranezze del calciomercato – i viola si sono ritrovati alle prese con due concorrenti per accaparrarsi l’attacante della Juventus. E che concorrenti: Milan e Roma. I giallorossi, che hanno appena eliminato la squadra di Delio Rossi dalla Coppa Italia, dopo la cessione di Borriello alla Juventus si sono trovati a dover fare i conti con l’infortunio di Osvaldo. Il Milan, invece, è il protagonista di questo mercato invernale, con Tevez sempre più vicino e Pato in procinto di raggiungere Ancelotti a Parigi. E allora cosa c’entra Amauri? C’entra eccome. Perché l’argentino del Manchester City non può giocare in Champions League, e in un colpo solo i rossoneri si ritroverebbero in Europa senza lui e senza Pato. Serve dunque un attaccante per le notti europee, e la scelta sembra ricaduta su Amauri.

LE ALTERNATIVE. Così, i viola si troverebbero nuovamente punto e a capo. Le alternative alla punta della Juventus sono ormai state individuate: l’altro juventino Iaquinta, Floro Flores e Pinilla. Ma alla fine, se Amauri dovesse andare davvero a Milano, proprio dal capoluogo lombardo potrebbe arrivare il rinforzo che Delio Rossi chiede per il reparto avanzato. Non dal Milan, ma dall’Inter: Zarate. L’argentino sembra ormai fuori dai piani di Ranieri, e potrebbe essere lui il sostituto di Gilardino per questa seconda parte della stagione.

LA SOLUZIONE DEL REBUS. Ma nulla è ancora definito, e le sorprese, in questo mercato dove i grandi colpi non sono mancati e non mancheranno, sono all’ordine del giorno. Il rebus attacco, insomma, in casa viola sembra ancora lontano dall’essere risolto.