Fiorentina a un passo dalla cessione

L’indiscrezione, clamorosa, arriva direttamente da New York. Secondo il New York Times da lunedì la Fiorentina sarà di proprietà del magnate sessantanovenne italo-americano Rocco B. Commisso, già proprietario dei New York Cosmos, la squadra dove concluse la carriera Pelè.

I primi dettagli

Il fondatore di Mediacom, 69 anni, avrebbe incaricato la banca JP Morgan di chiudere l’affare con la famiglia Della Valle, trovando l’accordo per una cifra vicina ai 150 milioni di dollari (circa 135 milioni di euro).
Le parti hanno voluto mantenere l’anonimato fino al termine del campionato ma Diego Della Valle, tra le righe, aveva già fatto capire che un minuto dopo la fine dell’ultima partita avrebbe detto molto sul futuro della Fiorentina e, nei giorni scorsi, si sono rincorse molte voci riguardo ad un imminente vendita della società viola. L’acquisto, precisa il New York Times è legato anche alla permanenza della squadra in serie A. Dopo 17 anni si sarebbe dunque ad un passo dalla chiusura dell’era Della Valle, un’esperienza lunga quanto travagliata che quest’anno ha toccato i minimi storici nel rapporto con i tifosi viola.

Comisso e l’interesse per i viola

Il nuovo patron viola, se le indiscrezioni avranno poi un seguito, è nato a Marina di Gioiosa Ionica, in provincia di Reggio Calabria ed ha costruito le sue fortune con le tv via cavo. Commisso, arrivato negli Usa all’età di 12 anni, e cresciuto nel Bronx, aveva tastato il terreno per rilevare la Fiorentina una prima volta già tre anni fa, ma l’affare non era andato in porto per la richiesta ritenuta troppo esosa da parte della società viola. Rocco non aveva mai mollato la presa ed era tornato a occuparsi delle vicende della squadra di Firenze.
L’idea d’investire nel calcio italiano gli era rimasta in testa. Il Milan non era riuscito a prenderlo per colpa del fondo Elliott, più lesto a chiudere con i rossoneri. Si era parlato di Comisso anche per Sampdoria e Cagliari mentre ha scartò, nel 2010, l’idea di prendere la Roma, per una sorta di lealtà nei confronti della Juventus per cui ha sempre fatto il tifo.
Nel 2017 aveva invece acquistato i New York Cosmos, attualmente impegnata nel campionato Nasl, la seconda divisione statunitense, che rimane la più gloriosa società statunitense dove, oltre a Pelè, hanno militato anche Chinaglia e Beckenbauer.