venerdì, 2 Dicembre 2022
- Pubblicità -
HomeSezioniFiorentinaFiorentina beffata sul filo di...

Fiorentina beffata sul filo di lana

L’Inter vince (4-3) grazie ad una rete al 95’. Viola che rimontano due volte il vantaggio dei nerazzurri. In gol Cabral, Ikoné e Jovic

-

- Pubblicità -

Viola sfortunati contro l’Inter. I nerazzurri partono molto bene e segnano subito due reti, ridotte le distanze prima dell’intervallo con Cabral, i viola pareggiano con Ikonè e rimontano ancora gli uomini di Simone Inzaghi con Jovic. La beffa arriva nel recupero con un’azione falsata da un fallo che l’arbitro Valeri non giudicata tale. Nico Gonzalez s’infortuna dopo soli 7 minuti, sostituito da Ikonè. Finalmente Vincenzo Italiano ha messo in campo sia Cabral che Jovic per gran parte del secondo tempo ed i viola sono risultati finalmente molto pericolosi sotto porta. Un punto perso ed una sconfitta immeritata. Dalla bella prestazione mostrata nella ripresa i viola devono ripartire per risalire la classifica.

La partita

L’Inter approfitta subito degli errori e delle lacune dei gigliati. Dopo due minuti Lautaro Martinez vince un contrasto con Milenkovic e serve Barella che, in area di rigore, batte Terracciano con un tocco di esterno. Al 15’ Dodò perde malamente il pallone a centrocampo, ad approfittarne è Lautaro Martinez che parte in contropiede, supera Martinez Quarta e supera Terracciano con un diagonale di sinistro. Alla mezzora un’entrata scomposta di Dimarco ai danni di Bonaventura, consente alla Fiorentina di usufruire di un calcio di rigore che Cabral realizza. Il fallo di Dimarco era da espulsione ma l’arbitro Valeri non estrae cartellini. Si va all’intervallo con i nerazzurri avanti 2-1. Al 48’ ci prova Lautaro ma Terracciano mette in angolo. Al 53’ Italiano richiama Duncan e mette in campo Jovic. I viola si trasformano. Al 58’ cross basso di Kouamè, Onana non vede il pallone che tre giocatori viola non riescono a mettere in rete. Al 60’ Kouamé serve Ikoné che fugge sulla fascia, supera Acerbi, e mette la sfera sotto l’incrocio battendo Onana. È il 2-2. A venti minuti dalla fine Terracciano ferma Lautaro Martinez. L’estremo difensore viola prende il pallone ma anche il piede dell’attaccante argentino che è partito in posizione regolare. Lautaro spiazza l’estremo difensore viola per il 3-2 dell’Inter. Al 90’ angolo battuto da Terziz, Milenkovic salta più in alto di tutti e serve Jovic. L’attaccante serbo in mezza rovesciata mette alle spalle di Onana per il 3-3. Ma quando tutti pensano che sia finita, in pieno recupero, c’è un cross basso dalla sinistra di Barella, Venuti prova a respingere, ma colpisce in maniera goffa Mkhitaryan che trafigge Terracciano. L’azione parte con un contrasto dubbio tra Dzeko e Milenkovic a centrocampo. L’arbitro Valeri non ravvisa nulla di irregolare e lascia proseguire.

L’allenatore

- Pubblicità -

Grande dispiacere per non aver fatto punti è stato espresso da Vincenzo Italiano. “Oggi dovevamo muovere la classifica, cose che non riusciamo a fare in campionato. Non riusciamo a fare punti e recuperare posizioni. Fare una rimonta del genere per me valeva come una vittoria. Bisogna trovare un po’ di equilibrio. Nelle ultime gare abbiamo trovato più gol e stiamo crescendo. Stiamo provando le due punte e il trequartista. Purtroppo – aggiunge – ogni tiro che concediamo è un gol. Ci complichiamo la vita da soli. Noi riusciamo ad attaccare con mezzali e centrocampisti. L’innesto di Jovic è perché serviva una punta che legasse con Cabral. Stiamo provando varie situazioni che ci possono aiutare a trovare il giusto equilibrio”.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -