lunedì, 14 Giugno 2021
HomeSezioniFiorentinaItalia, la (bella) sorpresa è...

Italia, la (bella) sorpresa è Montolivo

Il centrocampista della Fiorentina, mandato in campo dal ct Lippi per l'infortunio di Pirlo, è stato tra i migliori in campo della partita dell'esordio dell'Italia ai Mondiali, pareggiata 1-1 contro il Paraguay. Per il capitano viola anche la soddisfazione dell'elogio pubblico del commissario tecnico. Più in ombra Gilardino.

-

Il risultato non è certo quello che si poteva sperare (pareggio per 1-1), ma in casa azzurra i motivi per sorridere non mancano comunque. E sicuramente non mancano a Riccardo Montolivo, autore di una prestazione maiuscola (e in crescendo per tutto l’arco della gara) che gli ha fatto meritare i complimenti pubblici di Lippi a fine gara. “Montolivo ha fatto una partita straordinaria. Complimenti”: queste le parole del commissario tecnico azzurro in conferenza stampa subito dopo la partita.

Parole che senz’altro avranno fatto gongolare il capitano viola, a cui è mancato soltanto il gol (nonostante qualche occasione non gli sia mancata) per mettere la ciliegina sulla torta a una partita che difficilmente dimenticherà. E tutto lascia sperare che, nelle prossime partite (il prossimo appuntamento è domenica 20 giugno alle 16 contro la Nuova Zelanda) Montolivo troverà nuovamente posto nel mezzo del campo.

Sempre per rimanere in casa viola, un po’ meno bene è andata a Gilardino, autore di una prova con luci e ombre e sostituito nella ripresa da Di Natale. C’è da dire, però, che il centravanti è stato spesso lasciato un po’ troppo solo dai compagni, e che si è battuto più che ha potuto. L’appuntamento con il gol, per lui, è solo rimandato.

MERCATO. L’esordio dell’Italia al Mondiale ha fatto passare in secondo piano il capitolo mercato. A Firenze, dopo l’addio di Prandelli e l’arrivo di Mihajlovic, sta per cominciare una nuova era. Dopo l’acquisto di D’Agostino e il “caso” Frey (il portiere francese ha comunque manifestato la sua intenzione di rimanere in viola), c’è ora da capire cosa ne sarà di Mutu, dopo la brutta tegola della conferma dei 17 milioni da pagare al Chelsea.

Forse sarà proprio il suo futuro a decidere l’andamento del mercato in casa Fiorentina, dove – anche nel silenzio – si continua a lavorare per dare al tecnico serbo una squadra competitiva. Tra i possibili nuovi arrivi, nelle ultime ore è tornato d’attualità il nome di Drenthe (nella foto), centrocampista del Real Madrid in passato già accostato alla Fiorentina.

Ultime notizie