Dopo il 3-1 dell’andata, la gara di ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League è stata poco più di una formalità per gli uomini di Vincenzo Montella. Ai viola è bastato gestire l’ampio vantaggio per ottenere il passaggio agli ottavi di finale contro l’Esbjerg. Qualche esperimento per i villa come il portiere Rosati titolare e Gomez che gioca tutta la partita affiancato da Matos, in difesa si rivede Roncaglia.
 
PRIMO TEMPO – Primo tempo con poche emozioni. Ci prova Ilicic ma l’occasione si perde. Al 10′ Borja Valero, osannato dalla Curva Fiesole dopo l’incredibile squalifica per quattro giornate rimediata lunedì scorso nella gara di campionato contro il Parma, serve Matos in velocità, quest’ultimo prova la conclusione ma trova il portiere avversarioAl 23′ ancora lo spagnolo serve Gomez che però si fa anticipare da un difensore ospite. Poco dopo Ilicic ci prova dalla distanza trovando la parata di Dubravka. Al 27′ è il turno di Compper che di testa lambisce il palo. Al 35′ Ilicic mette in mezzo per Ambrosini che di testa cerca la rete. Sul finire di tempo Pizarro scarica un destro violento che sfiora ancora il palo alla sinistra di Dubravka. si va al riposo sullo 0-0.
 
SECONDO TEMPO – Dopo due minuti dall’inizio della ripresa i viola trovano il gol con Ilicic che su punizione dal limite supera il portiere avversario. E’ l’1-0 per la Fiorentina. Subito dopo Matos cerca il raddoppio con un tiro strozzato in mezza rovesciata ma il pallone non trova la rete. Al 53′ Vestergaard si rende pericoloso in area, ma Rosati è attento nel ribattere la conclusione. Un minuto dopo i ragazzi di Montella trovano il raddoppio con Gomez, il gol viene però annullato per un fuorigioco dubbio dell’attaccante viola. Montella inserisce Bakic ed il neo entrato si rende subito pericoloso con una conclusione di destro che termina di poco alta sopra la traversa. Al 73′ Pasqual conclude al volo, il tiro del capitano viola viene respinto dal portiere. All’83’ gli ospiti si rendono pericolosi con Nielsen ma la sfera termina fuori. Azione personale di Vestergaard che al 90′ salta un difensore viola e batte Rosati portando in parità la propria squadra. Nel recupero Bakic ha l’occasione di riportare i viola in vantaggio ma spreca da buona posizione. Finisce 1-1 e la Fiorentina negli ottavi di finale giocherà con la Juventus.
 
L’ALLENATORE – Soddisfatto, a fine gara, Vincenzo Montella: “Era importante dare continuità a certi giocatori che hanno giocato meno, nel primo tempo non abbiamo concesso niente agli avversari, poi nel finale peccato per il gol subito ma era importante gestire le forze. Gomez non era ancora in condizione di giocare 90 minuti – spiega il tecnico – ma era importante cercare di farlo segnare. Il ritmo era basso e c’erano i presupposti per fargli fare la partita intera”. Sulla Juve, prossima avversaria Montella, è cauto. “In Italia sta dominando da tre anni e sarà difficile. Se avessi dovuto scegliere l’avrei evitata anche se l’abbiamo già battuta. Ce la giocheremo – continua – anche se forse sì, è l’avversario più forte”.