La Juventus domina una Fiorentina mediocre. Impacciata e inconcludente, come accade ormai da molte settimane, la squadra di Pioli è ormai in una grave e preoccupante crisi di risultati. Sette partite senza vittorie per la viola, un triste record che non accadeva da otto anni e mezzo, tredicesima vittoria, invece, per la Juventus in campionato con le reti di Bentancur, Chiellini e Ronaldo. Un mazzo di fiori per commemorare Davide Astori è stato lasciato sotto la curva Fiesole dal capitano della Juventus, Chiellini. Un gesto bello e sentito. Enormemente apprezzato dai tifosi della Fiorentina. Così come al minuto 13 quando il coro per l’ex capitano viola è partito proprio dal settore ospiti. Come contraltare alcuni pseudo tifosi ignoranti hanno vergato scritte infamanti nei pressi del Franchi ricordando ancora la tragedia dell’Heysel dove perirono 39 persone e macchiando la memoria di Gaetano Scirea. Nessuna sorpresa, rispetto alla vigilia, in chiave schieramenti. Pioli punta ancora su Gerson e non sull'ex Pjaca. Allegri concede un turno di riposo a Pjanic e schiera Bentancur davanti alla difesa e Cuadrado in versione mezz'ala.

Primo Tempo

La prima grande occasione della partita è della Fiorentina. Dopo due minuti Edimilson serve Benassi che calcia al volo di destro ma la sera esce di poco. Al 31’ Betancourt scambia prima con Dybala poi, al limite dell'area, lascia partire un diagonale che Lafont non vede e sul quale neanche tenta di tuffarsi per pararlo. E’ l’1-0 bianconero. Passano tre minuti e Simeone avrebbe l'opportunità di ristabilire la parità, ma da posizione assai favorevole si divora una rete clamorosa prima della fine del primo tempo gli uomini di allegri tentano il raddoppio Ronaldo, Cancelo e Dybala ma si va all’intervallo con la Juve avanti di misura.

Secondo Tempo

Viola che provano a  tirare ad inizio ripresa ma sono sempre inconcludenti oppure trovano il portiere bianconero pronto a salvare la propria rete. Al 55’ tiro di Chiesa da dentro l'area, Szczesny para. Al 57’ e 59’ ci prova Simeone ma senza successo. Al 69’ Chiellini con una girata impegna Lafont: il pallone si impenna con nessuno della Fiorentina che riesce a rinviare e, alla fine, la sfera termina in rete per il 2-0 bianconero. Ormai, con la partita irrimediabilmente compromessa, la Fiorentina sparisce completamente. Al 79’ c’è un fallo di mano di Edimilson su cross di Mandzukic, per l’arbitro Orsato è rigore. Batte Ronaldo, palla in rete alla destra di Lafont. E’ il gol numero 10 in campionato per CR7. Finisce con la Curva Fiesole che contesta proprietà e dirigenza.

L’allenatore

Stefano Pioli non nasconde l’amarezza. “Sul piano tecnico dovevamo essere su un livello più alto. Lo 0-3 è pesante, ma non penso rispecchi l’andamento della partita. Non dovevamo permettere a Bentancur di arrivare così facilmente in porta. Bisogna tornare a fare gol, è il nostro dato negativo che ci sta penalizzando, ci dobbiamo focalizzare su questo aspetto. Nei primi due gol ci sono errori nostri e la qualità della Juventus. Per me il rigore non c’era – aggiunge Pioli perché la palla sbatte sulla mano di Edimilson, cosa deve fare. Faccio fatica ad accettare queste cose. Forse dobbiamo insegnare ai difensori a correre con le braccia legate, ma non è possibile. Gli arbitri continuano a fischiare, forse sbaglio io. Non si può dare un rigore del genere. La classifica non è quella che vogliamo, ma non è quella finale”.