Home Sezioni Lavoro & Economia Bonus docenti 2021/2022: quando viene accreditato e qual è la scadenza

Bonus docenti 2021/2022: quando viene accreditato e qual è la scadenza

Quando viene accreditato, la scadenza e come spendere il bonus docenti per l'anno scolastico 2021/2022: in arrivo la carta elettronica da 500 euro per l'aggiornamento e la formazione degli insegnanti

Bonus docenti 2021 2022 quando arriva viene accreditato scadenza

Arriva la “carta elettronica” da 500 euro, ossia il bonus docenti 2021/2022 che gli insegnanti possono spendere per l’aggiornamento e la formazione, fino alla scadenza dei voucher.

È un’iniziativa del Miur, il Ministero dell’Istruzione, che si rinnova da 5 anni, dedicata a maestri e professori di ruolo delle scuole statali, a tempo pieno o part time, ma non ai precari o ai supplenti. Ecco quando viene accreditato il bonus docenti 2021/2022 e cosa comprare con questa carta docente.

Quando arriva e viene accreditato il bonus docenti 2021/2022

Dalle ore 12 di oggi, martedì 21 settembre 2021, viene attivata l’applicazione web “Carta del docente” per gestire i 500 euro di bonus previsti nel periodo 2021/2022 e recuperare anche i soldi non spesi entro la scadenza dei “vecchi” voucher. Per fare login sono necessarie le credenziali Spid (qui spieghiamo come richiederle).

Agli insegnanti che lo scorso anno scolastico non hanno usato tutte le agevolazioni, arriva un “doppio” bonus docenti, che comprende anche i soldi inutilizzati fino allo scorso agosto: accedendo all’applicazione web e consultando la pagina “storico portafoglio” si potrà controllare la cifra da spendere tra settembre 2021 e l’estate 2022.

Cosa comprare con la Carta del docente 2021

Con il bonus docenti 2021/2022, fino alla scadenza dei voucher, si può acquistare una grande gamma di prodotti per l’aggiornamento e la formazione. Dai libri alle riviste, fino a computer, tablet, cellulare smartphone e software.

Inoltre questa carta elettronica può essere usata per pagare corsi di aggiornamento e di qualificazione (online e in presenza) accreditati presso il Miur oppure l’iscrizione all’Università per percorsi accademici legati al proprio profilo professionale.

Ma la lista di cosa comprare con il bonus docenti 2021 è ancora lunga, perché si può usare la carta elettronica anche per l’acquisto di biglietti di musei, mostre, teatro, cinema, spettacoli dal vivo, eventi culturali.

Per poter usufruire di queste agevolazioni è necessario registrarsi e fare l’accesso sul portale ufficiale cartadeldocente.istruzione.it e generare un voucher da spendere nei negozi convenzionati e sui siti di e-commerce aderenti, tra cui anche Amazon, E-price e quelli delle principali catene di elettronica e libri.

Ecco la lista completa di cosa si può comprare con il bonus docenti, quando arriveranno i 500 euro per l’anno scolastico 2021/2022, come riportato sul portale ufficiale:

  • acquisto di libri, testi, pubblicazioni e di riviste utili all’aggiornamento professionale (anche in formato digitale, come gli ebook)
  • hardware (computer, tablet, ecc) e software (programmi per pc, Mac, app, ecc)
  • iscrizione a corsi di aggiornamento e qualificazione, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell’Istruzione
  • iscrizione a corsi di laurea, laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, post lauream o a master universitari inerenti al profilo professionale
  • biglietti e abbonamenti per cinema e teatro
  • biglietti per per l’ingresso a musei, mostre, eventi culturali e spettacoli dal vivo
  • altre iniziative coerenti con le attività individuate dal piano triennale dell’offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione

La scadenza del bonus docenti 2021/2022 da 500 euro

Come ogni anno, la scadenza della carta del docente è fissata per il 31 agosto 2022: da quando arriva e viene accreditato il bonus da 500 euro, i docenti hanno quindi poco meno di un anno per spendere i voucher e comprare libri, apparecchi elettronici e via dicendo.

Nel caso gli insegnanti riuscissero a consumare tutta la cifra a disposizione, i soldi rimanenti potranno essere usati nel prossimo anno scolastico.