sabato, 15 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaEaton, il sindaco minaccia l'esproprio

Eaton, il sindaco minaccia l’esproprio

“Pugno duro” contro l'azienda in caso non si arrivi ad un accordo. E' la minaccia ventilata dal sindaco di Massa Roberto Pucci, che arriva a ipotizzare l'esproprio delle aree industriali su cui si trova la fabbrica.

-

“Pugno duro” contro l’azienda in caso non si arrivi ad un accordo. E’ la minaccia ventilata dal sindaco di Massa Roberto Pucci, questa mattina durante il Consiglio istituzionale che si è tenuto nella fabbrica occupata dagli operai.

ESPROPRIO. “Se sarà necessario ricorreremo all’esproprio delle aree industriali su cui insiste Eaton”. All’incontro, oltre al sindaco di Massa, erano presenti i Comuni di Carrara, Montignoso e il Consiglio provinciale di Massa Carrara.

PUGNO DURO. Pucci ha annunciato “pugno duro” contro l’azienda, qualora non si arrivi ad un accordo per la cassa in deroga nell’incontro in programma a Roma il 18 ottobre, al Ministero dello Sviluppo.

IL TAVOLO. Il tavolo nazionale per la Eaton di Massa è stato convocato per lunedì prossimo a Roma, presso il ministero dello sviluppo economico. La richiesta di un incontro urgente a livello nazionale era partita dalla Regione subito dopo la rottura delle trattative, in seguito all’abbandono del tavolo locale e al rifiuto, da parte dell’azienda, di concedere la cassa integrazione in deroga agli oltre 300 lavoratori. All’incontro parteciperanno l’azienda, le istituzioni e i sindacati e un rappresentante del ministero del lavoro. “Chiederemo all’azienda – spiega l’assessore Simoncini – di ritirare la mobilità e attivarsi per richiedere la cassa integrazione in deroga, necessaria non solo per garantire il reddito dei lavoratori, ma anche per avere più tempo a disposizione per portare a termine il percorso di reindustrializzazione e ricollocazione di tutti i lavoratori”.

Ultime notizie