mercoledì, 15 Luglio 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Il cinema europeo a Firenze

Il cinema europeo a Firenze

prima edizione delle "Giornate del cinema europeo"

-

Soltanto 5 euro per assistere a 40 film, cortometraggi, lungometraggi, sia di fiction che di documentari, prodotti negli ultimi tre anni e con la possibilità di partecipare ad incontri con registi ed attori, tavole rotonde, incontri, dibattiti.

Questo e tanto altro ancora è la prima edizione delle “Giornate del Cinema Europeo“. Cinquantacinque ore di film in dieci giorni di programmazione per la rassegna cinematografica sull’Europa che si svolgerà a Firenze a partire da domani.

Il debutto sarà con la prima, in Italia, del film “Mar Nero” di Federico Bondi (sua opera prima), proiettato al Teatro Verdi alle 21. “La rassegna cinematografica vuole lanciare uno sguardo all’Europa, sulle sue tradizioni, sulla cultura – ha sottolineato l’assessore Riccardo Nencini -. È un tentativo di crescita rispetto alle precedenti tre edizioni che hanno raccolto un buon successo di pubblico e di critica. La rassegna è resa possibile anche grazie alla collaborazione con la Mediateca Regionale Toscana, la Mediateca Film Commission ed i tanti sponsor che hanno creduto in questo progetto”.

Il festival cinematografico è promosso dall’assessorato alle politiche dell’Unione Europea – Antenna Europe Direct del Comune di Firenze e dalla Fondazione Stensen, con la direzione artistica di Michele Crocchiola ed è realizzato grazie al contributo di Bassilichi, Target, Sercom, Computer VarNet, Accademia Cappiello, Associazione Italiana Albergatori Firenze – Federalberghi.

Le “Giornate del Cinema Europeo” avranno sei sedi a Firenze e saranno accompagnate da numerosi eventi collaterali, con ospiti internazionali che parteciperanno alle proiezioni, alle tavole rotonde, ai workshop e non mancherà neanche una contaminazione con la musica.

Queste le sedi della rassegna cinematografica: Teatro Verdi (via Ghibellina, 99), Cinema Auditorium Stensen (viale Don Minzoni, 25/C), Cinecittà Cineclub (via Pisana, 576), Cinema Odeon (piazza Strozzi), Aula Magna del Polo Universitario di Novoli (via delle Pandette, 9) e Villa Romana (via Senese, 68).

Alla proiezione di domani sera, parteciperanno anche il regista Federico Bondi, l’attrice Ilaria Occhini, l’attore Corso Salani, lo sceneggiatore Ugo Chiti, il produttore del film Francesco Pamphili

Non solo fiction ma anche documentari e animazione nella sezione “Orizzonti Europei”. Per i documentari, segnaliamo “Mattotti” del giovane regista Renato Chiocca che racconta il lavoro, l’opera e la poetica di Lorenzo Mattotti, uno dei più importanti disegnatori del mondo e “Staub” di Hartmut Bitomsky: un’indagine visiva sul potere pervasivo della polvere che tutto penetra, tutto copre e tutto avvolge.

Per l’animazione “Peur(s) du Noir”, un film antologico che unisce sei differenti artisti per raccontare sei storie di orrore, paura e oscurità: tutti accomunati dalla paura più atavica e primordiale, quella che tutte ingloba e riassume: il terrore del buio.

“Italia/Europa” è l’altra sezione che animerà la rassegna con la retrospettiva completa, per la prima volta nella sua città natale, del regista fiorentino Corso Salani: 21 opere tra corti, medio e lungometraggi (tra documentari e fiction) del regista fiorentino che ha scelto l’indipendenza nel cinema, produttore e regista dei suoi film fino all’incontro con il Gianluca Arcopinto (presente al festival). Il percorso cinematografico di Salani verrà tracciato completamente anche grazie al contributo della sua presenza al festival.

L’altro regista che verrà omaggiato sarà il danese Per Fly nella sezione “Ritorno a Firenze”, dedicata ad un regista europeo. Saranno proiettati quattro film del regista che racconta la Danimarca ma allude a tutte le società europee. Il suo cinema nasce da una grande analisi sociale e da un lungo lavoro di documentazione che coinvolge ben quattro sceneggiatori: il regista, Kim Leona, Dorte Høegh e Mogens Rukov che sarà presente a Firenze per un workshop e per incontrare il pubblico dopo la proiezione de “L’eredità”.

La sezione “I volti del Noir Francese”, grazie ad una nuova prospettiva storica, non più incentrata sull’autore, darà la giusta importanza agli attori che hanno fatto la storia del genere attraverso un focus sui volti di Jean Gabin, Pierre Fresnay, Jean Paul Belmondò, Serge Reggiani, Stéphane Audran, Micheal Piccolì, Micheal Blanc, Daniel Auteuil, Gerard Depardieu.

Il catalogo del festival, che sarà in vendita nelle principali librerie e presso le sedi delle proiezioni, è curato dal critico cinematografico Marco Luceri, con la collaborazione di Federico Ferrone, Riccardo Castellacci, Francesca Valeriani, Eva De Clercq, Giulia Galeazzi, è edito dalla casa editrice “Gli Ori” di Prato.

Tutto il programma della rassegna cinematografica è consultabile su www.giornatecinema.eu

Ultime notizie

Mascherina, obbligo a luglio: dove usarla e quando si può togliere

Al chiuso e all'aperto, per fare la spesa o in palestra: cosa dicono le regole sulle mascherine, contenute nell'ultimo dpcm

Cosa si può fare dal 14 luglio, nuovo dpcm: misure e divieti anti-coronavirus

Firmato il nuovo decreto. Dalla mascherina alle regole in auto, treno e aereo, fino alla chiusura delle discoteche: tutte le novità previste dal testo

Dpcm, 14 luglio 2020: il testo in pdf del nuovo decreto coronavirus

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale, e in vigore dal 15 luglio, il provvedimento del premier Conte che conferma le misure contro il Covid-19

Anno scolastico 2020 – 21: quando inizia la scuola nelle regioni italiane

I primi a Bolzano, gli ultimi in Puglia. Le regioni approvano la data di inizio dell'anno scolastico 2020 - 21: ecco il calendario