sabato, 23 Ottobre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaMeteo, afa e caldo non...

Meteo, afa e caldo non lasciano la Toscana. Attese punte sui 36 gradi

Il caldo e l'afa si fanno sentire e non accennano a lasciare la nostra regione, almeno fino a giovedì quando, dai 37 gradi, le colonnine di mercurio, scenderanno nuovamente sui 35 gradi. Ma questa è soltanto la prima ondata di calore. Ne dovrebbero arrivare altre due nel corso dell'estate.

-

Il caldo e l’afa si fanno sentire e non accennano a lasciare la nostra regione, almeno fino a giovedì quando, dai 37 gradi, le colonnine di mercurio, scenderanno nuovamente sui 35 gradi. Ma questa è soltanto la prima ondata di calore. Ne dovrebbero arrivare altre due nel corso dell’estate.

IERI. Nella giornata di ieri sono state registrate temperature sopra la media del periodo su tutto il territorio provinciale, scrive in una nota la Protezione Civile della provincia. Dai dati delle centraline meteo del Centro funzionale della Regione Toscana, la temperatura massima è stata registrata a San Colombano (Fi) attestandosi sui 37.5 gradi.

MARTEDI’ 19. Oggi il cielo sarà ”Sereno o poco nuvoloso. Transito di innocue velature tra tardo pomeriggio e sera. Venti deboli, in regime di brezza lungo la costa. Mari calmi o poco mossi. Temperature stazionarie o in lieve aumento, con valori oltre i 35 gradi nelle zone interne e oltre i 30 gradi lungo la costa. Disagio per caldo”. A Firenze si dovrebbero raggiungere i 36 gradi.

MERCOLEDI’ 20. Non andrà meglio domani, quando le colonnine di mercurio, a Firenze, raggiungeranno i 37 gradi. ”Sereno o poco nuvoloso. Venti deboli sulle zone interne, meridionali lungo la costa fino a moderati sull’Arcipelago. Mari poco mossi. Temperature in ulteriore lieve aumento, con massime superiori ai 35 gradi nelle pianure dell’interno e di 30 gradi lungo la costa. Disagio per caldo”.

GIOVEDI’ 21. La situazione dovrebbe migliorare, almeno un po’, giovedì, quando le temperature torneranno sui 35 gradi. ”Sereno o poco nuvoloso. Modesta nuvolosità pomeridiana sui rilievi. Venti deboli, tendenti a disporsi dai quadranti occidentali. Mari poco mossi. Temperature stazionarie o in lieve calo, su valori sempre molto superiori alle medie del periodo. Disagio per il caldo”.

Come comportarsi: Scipione, un vademecum per ”sopravvivere” al caldo africano

Ultime notizie