venerdì, 5 Marzo 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Ritrovata morta la donna scomparsa...

Ritrovata morta la donna scomparsa dall’ospedale di Volterra

È stata trovata morta questa mattina, in un dirupo, la donna sparita ieri pomeriggio dall'ospedale cittadino di Volterra. L'ucraina era stata sottoposta ad un intervento nei giorni scorsi.

-

È stata trovata morta questa mattina, in un dirupo, la donna sparita ieri pomeriggio dall’ospedale cittadino di Volterra. L’ucraina era stata sottoposta ad un intervento nei giorni scorsi.

CHI. La vittima è una donna ucraina di 56 anni residente a Firenze.

IL FATTO. Pochi giorni fa la signora era stata sottoposta ad un’operazione nell’ospedale cittadino di Volterra e ieri pomeriggio era scomparsa misteriosamente dalla struttura ospedaliera dissolvendosi nel nulla.

RICERCHE. Le ricerche erano partite immediatamente coinvolgendo Vigili del Fuoco, Carabinieri, Polizia e Protezione Civile che hanno continuato a cercare la donna per tutta la notte.

RITROVAMENTO. Solo questa mattina il cadavere della signora 56enne è stato ritrovato in un dirupo distante circa 200 metri dall’ospedale.

Ultime notizie

Toscana zona rossa o arancione: quando si decide il colore della prossima settimana

Per Pistoia e Siena probabile la conferma delle restrizioni, Empoli e Arezzo rischiano il cambio di colore. E oggi si saprà se la Toscana sarà zona rossa o arancione la prossima settimana (8-14 marzo)

Zona arancione e rossa: posso vedere congiunti e fidanzati fuori comune?

Il decreto Covid del governo Draghi aggiorna le regole sugli spostamenti. Si può andare a casa di congiunti, parenti o amici che abitano in comuni diversi, se ci si trova in zona arancione o rossa?

Zona arancione rafforzata: significato e regole della fascia “arancio scuro”

Si allarga nuova fascia di rischio: ecco dove è in vigore, il significato di "zona arancione rafforzata" o "zona arancione scuro", cos'è e le regole per capire cosa si può fare e cosa no

Il Reporter marzo 2021

L'atterraggio di Perseverance su Marte ci regala un certo gusto della rivincita, un invito a spostare un po’ più avanti la frontiera della fiducia nel futuro