sabato, 23 Ottobre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaVia l'auto, spazio alle bici:...

Via l’auto, spazio alle bici: flash mob in via Gioberti / VIDEO

Quante biciclette riescono a stare nello spazio di un'auto? Dieci, secondo un ''esperimento'' organizzato in città da Firenze in bici. Ecco come è andata.

-

Quante biciclette riescono a stare nello spazio di un’auto? Dieci, secondo un ”esperimento” organizzato in città da Firenze in bici.

IL FLASH MOB. Si è trattato di un flash mob (foto da ciclosegnalazionifirenze.blogspot.it) “preso in prestito” da altre città come Genova e Torino, dove era già andato in scena, e riorganizzato in salsa fiorentina grazie alla determinazine di Marina Brizzi, membro del consiglio direttivo di Firenze in bici.

VIA GIOBERTI. La location scelta è stata via Gioberti, la data sabato 23 giugno. “Forse non una giornata felicissima, c’erano 36 gradi e molta gente era andata al mare, mentre alcuni negozi erano chiusi”, riconosce la stessa Marina. Tant’è che lei stessa ha dovuto arruolare alcuni ciclisti che passavano per caso di là (“ad accettare il mio invito sono state le donne più degli uomini, e alla fine erano le più sorridenti per quanto fatto”, racconta Marina), per poter finalmente dare il via al ciak.

IL VIDEO DELL’INIZIATIVA:

{youtube}WJtpxOx_AH4{/youtube}

 

L’INIZIATIVA. Ma di cosa si trattava? Semplice, di far vedere quante biciclette riescono a entrare nel parcheggio lasciato libero da un’auto. “E in una strada di negozi come questa – spiega Brizzi – questo significa più persone a giro, e quindi anche più acquisti. Ma anche più vita e più salute”.

IN BICICLETTA. Il flash mob, assicura, sarà replicato in città (“magari in periodi diversi, come settembre e ottobre, e in strade diverse. L’obiettivo sarebbe quello di farne più di uno contemporaneamente in diverse strade di Firenze”), per lanciare un messaggio ben preciso: “Incrementare l’utilizzo delle biciclette rispetto alle auto. Andando in giro sui pedali c’è tutto un altro contatto con la città e con gli altri rispetto a quando si va in auto, una dimensione più naturale. Si tratta – continua Marina – di goccioline per cercare di sensibilizzare le persone, ma bisogna fare un passo alla volta, anche la ‘rivoluzione delle bici’ avvenuta in Olanda è stata fatta pian piano, purtroppo in seguito ad alcune tragedie”.

IL BLOG. E la stessa Brizzi, da qualche mese, ha dato vita a un blog, ciclosegnalazionifirenze, per raccogliere appunto segnalazioni, problemi, proposte, ecc… da parte di chi Firenze ha scelto di viverla in bicicletta. E per cui, si sa, purtroppo le difficoltà non mancano.

Ultime notizie