lunedì, 29 Novembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaBiglietti del treno più cari...

Biglietti del treno più cari nel 2012

Il salvadanaio del trasporto su ferro è sempre più vuoto e così nei primi mesi del 2012 il prezzo dei biglietti per i treni regionali aumenterà, mentre è all'orizzonte un rincaro anche degli abbonamenti.

-

Il salvadanaio del trasporto su ferro è sempre più vuoto e così nei primi mesi del 2012 il prezzo dei biglietti per i treni regionali aumenterà, mentre è all’orizzonte un rincaro anche degli abbonamenti.

CONTI IN ROSSO. E’ quanto deciso dalla Regione Toscana. Dopo i tagli del governo Berlusconi ancora non colmati dal governo Monti – spiega una nota – mancano all’appello 40 milioni di euro da destinare al trasporto ferroviario toscano.

LA DECISIONE. “Per far fronte a questa situazione ed evitare un’emergenza nel settore dei trasporti – si legge nel comunicato – la Regione ha deciso di intervenire, deliberando l’aumento del 20% delle tariffe dei biglietti ferroviari di corsa semplice e prevedendo una generale riorganizzazione del settore”.

QUANTO COSTERANNO. In particolare il biglietto fino a 10 chilometri passerà da 1,20 euro a 1,40; fino ai 50 chilometri il ticket costerà 4,60 euro contro gli attuali 3,80; infine fino a 100 chilometri bisognerà pagare 7,70 euro, contro i 6,40 previsti al momento.

QUANDO. Il biglietto di corsa semplice diventerà più salato dal primo febbraio 2012. Un eventuale rincaro degli abbonamenti, che riguarderebbe più da vicino pendolari e studenti, sarà applicato solo dalla seconda metà dell’anno e verrà calcolato tenendo conto dell’indicatore di reddito Isee, come per i ticket sanitari.

NUOVI CONVOGLI. “L’obiettivo – scrive anche la Regione – è mantenere alto il livello dei servizi e non rinunciare al piano di acquisto di nuovi treni,  necessario  per colmare le lacune di un parco mezzi ormai obsoleto”.

ANCHE I VICINI RITOCCANO I PREZZI. Negli ultimi tempi anche altre Regioni hanno ritoccato il costo dei biglietti. L’Emilia Romagna ha deciso due aumenti scaglionati del 10% ciascuno, la Lombardia ha aumentato prima il 10% e poi un ulteriore 12,5%, infine la Liguria ha aumentato in una sola tranche i prezzi del 25%.

Ultime notizie