venerdì, 14 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaInfluenza A, chi l'ha presa...

Influenza A, chi l’ha presa sviluppa superanticorpi

Buone notizie per i 300mila italiani che hanno passato il ponte della Befana a letto con l'influenza. Chi ha contratto il virus H1N1 sviluppa in seguito un “superscudo” contro la malattia che permette all'organismo di sconfiggere molti altri tipi di virus influenzali.

-

Buone notizie per i 300mila italiani che hanno passato il ponte della Befana a letto con l’influenza. Chi ha contratto il virus H1N1 sviluppa in seguito un “superscudo” contro la malattia che permette all’organismo di sconfiggere molti altri tipi di virus influenzali.

VACCINO UNIVERSALE. La scoperta, di Rafi Ahmed della Emory University e di Patrick Wilson della Università di Chicago, potrebbe essere sfruttata per ideare il tanto ricercato vaccino universale anti-influenza. Sulla base di questa scoperta, resa nota sul Journal of Experimental Medicine, si potrebbe ideare un vaccino che induca la stessa risposta immune ad ampio spettro contro vari tipi di virus influenzali e dire quindi addio al vaccino anti-influenza stagionale, da ideare ex novo e somministrare ogni anno.

LO STUDIO. Gli esperti hanno studiato il siero di 9 pazienti colpiti da H1N1: i pazienti, di 20-30 anni colpiti più o meno gravemente da H1N1, hanno tutti avuto in risposta all’infezione una reazione immunitaria forte ad ampio spettro, ovvero hanno sviluppato anticorpi anti-H1N1 risultati protettivi anche contro altri virus influenzali. Questi anticorpi, cioè, sono risultati protettivi contro svariati ceppi di suina (H1N1) comparsi nel corso dell’ultima decade, contro la devastante Spagnola del 1918 e contro la potenzialmente mortale influenza aviaria H5N1.

DUE VITTIME. Nel mentre però i malati in Italia sono sempre di più. Oggi il virus ha mietuto la seconda vittima nel giro di pochi giorni, un uomo pugliese di 51 anni.

Ultime notizie