martedì, 6 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Melani tocca un'altra vetta

Melani tocca un’altra vetta

L’alpinista quarantacinquenne affetto da paraparesi spastica ha conquistato il suo primo quattromila metri, scalando il monte Breithorn del gruppo del Rosa. Stefano Melani, che è già tornato al suo lavoro di impiegato al Comune di Scandicci, ha compiuto l’impresa impiegando 3 ore e 40 minuti a salire e 2 ore e 30 a scendere.

-

L’alpinista l’anno scorso ha compiuto la traversata del Monte Bianco.

L’IMPRESA. Stefano Melani ha conquistato il suo primo quattromila metri scalando il monte Breithon, vetta di 4165 metri che fronteggia il Cervino. L’alpinista, affetto da paraparesi spastica, ha compiuto l’impresa mercoledì 8 luglio in 6 ore e 10 minuti, impiegando 3 ore e 40 minuti per la salita e 2 ore e 30 per scendere. Accompagnato dalla guida alpina Max Gianchini di Courmayeur, nell’impresa ha trovato complessivamente buone condizioni meteorologiche, fatta eccezione per il primo tratto di percorso nel quale ha affrontato la coda di una perturbazione con vento, nebbia e nevischio.

IL MONTE BREITHORN. Il monte Breithorn fa parte della catena del Monte Rosa, nelle Alpi Pennine, si trova sul confine tra l’Italia e la Svizzera e divide la valle svizzera di Zermatt da quella valdostana di Ayas. Nel luglio dell’anno scorso Stefano Melani aveva compiuto la traversata del Monte Bianco, andando dall’Aguille du Midi a 3842 metri sul versante francese fino a punta Helbronner, sul lato italiano a 3462 metri d’altitudine.

VENTO, FATICA, FREDDO. “Scalare oltre i quattromila metri è diverso che farlo attorno ai tremila – spiega l’alpinista – è molto più tecnico e impegnativo, abbiamo dovuto fare i conti con la fatica, il vento e il freddo. Abbiamo affrontato un dislivello di 741 metri, con una pendenza massima, nell’ultimo tratto di 600 metri, attorno al 35-45%. Arrivati in cima la soddisfazione è stata grande, al momento impareggiabile. Ho baciato la vetta dei miei primi quattromila metri”.

GIA’ AL LAVORO. La scalata è iniziata dal Plateau Rosà, dove gli alpinisti hanno fatto ritorno nel pomeriggio della stessa giornata; nei giorni precedenti Melani si era acclimatato sul Monte Bianco e si era allenato secondo un programma specifico. L’alpinista è già tornato al suo lavoro di impiegato al Comune di Scandicci. “Come abbiamo già fatto gli anni scorsi – dice – anche nei prossimi mesi organizzeremo iniziative assieme all’assessorato allo Sport, per far conoscere le sfide e i protagonisti dell’alpinismo”. Tra le imprese di Stefano Melani, oltre alla traversata del Bianco, anche il primato italiano della Marmolada dalla via normale.

Ultime notizie

Chiesa alla Juve, Callejón in viola: il mercato della Fiorentina

Nell’ultima giornata di calciomercato si è concretizzato il passaggio di Federico Chiesa alla Juventus. Si conclude così una lunga...

“Paradise” gratis al cinema con Il Reporter

Partecipa al concorso de Il Reporter, in palio 25 inviti per due persone per vedere gratis "Paradise" al cinema Spazio Alfieri di Firenze

Plácido Domingo torna sul palcoscenico del Maggio Musicale Fiorentino: va in scena Nabucco

Applausi per il Nabucco di Giuseppe Verdi andato in scena al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino di Firenze: la recensione

Coronavirus, seconda ondata: le “istruzioni per l’uso” dell’epidemiologo

Intervista all’epidemiologo Paolo Bonanni sulla nuova stagione del Covid: “In Italia siamo stati bravi, ma non è affatto finita. Dipende tutto da noi”