mercoledì, 23 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Periodo nero per i ristoranti...

Periodo nero per i ristoranti giapponesi

I clienti dei ristoranti nipponici di Firenze sono diminuiti, in alcuni casi del 40 per cento. All’indomani della catastrofe nucleare di Fukushima c’è stata una notevole flessione. ''Le persone sono spaventate, ma gli ingredienti dei nostri piatti non provengono da quella terra''. Intanto, aumentano i cittadini che scelgono di coltivare in proprio frutta e verdura.

-

Il sushi in crisi dopo il dramma giapponese

La paura è capace di fare grandi danni. E il fantasma della catastrofe nucleare che ha colpito il Giappone è volato fin sulle tavole dei ristoranti giapponesi di Firenze. Lo dicono all’unisono i ristoratori nipponici, senza nemmeno girarci troppo intorno: gli affari, dall’11 marzo scorso, hanno subito un brusco calo.

Ci sono meno clienti, e molto spaventati. Terrorizzati all’idea di mettere in bocca cibo contaminato dalle radiazioni, in cerca di rassicurazioni sulla provenienza degli alimenti. “Una flessione c’è stata, eccome – spiega il titolare di Kome, in via de’ Benci – è difficile fare una stima precisa, ma probabilmente questo calo si aggira intorno al 15 per cento. E tutti i clienti ci chiedono da dove vengono i prodotti, perchè specialmente all’indomani della catastrofe c’è stato un allarmismo ingiustificato. Di fronte a un dramma vero come quello del Giappone e del suo popolo, ci siamo preoccupati di un problema inesistente: i prodotti alimentari utilizzati nei ristoranti giapponesi non sono assolutamente importati da quella terra”. E, a onor del vero, va aggiunto che il Sol Levante è, piuttosto, un grande importatore di prodotti europei, specialmente di produzioni ittiche fresche e congelate. “Giusto per fare qualche esempio – prosegue il proprietario di Kome – la birra viene prodotta in Inghilterra e Russia, e il riso che usiamo per il sushi a Vercelli. E il pesce non viene certo acquistato in Giappone, ma in vari paesi europei e non: i gamberi vengono dal Canada, ad esempio, mentre il salmone è solitamente d’allevamento”.

Parole molto simili arrivano da Wabi Sabi, locale di viale dei Mille e da Pingusto, che ha aperto da poco in piazza Ghiberti e che rincara la dose: “Abbiamo notato una flessione notevole, intorno al 40 per cento. Vero è che siamo aperti da soli tre mesi e quindi forse il nostro è stato un calo fisiologico dopo il boom iniziale. Per rassicurare i clienti abbiamo affisso alcuni cartelli che spiegano la provenienza dei singoli alimenti”. Ma – e lo assicura una nota del Ministero della Salute – quelli sull’importazione sono timori davvero infondati, perchè dall’11 marzo ad oggi non sono arrivati in Italia prodotti o mangimi di origine animale (pesci compresi) provenienti dal Giappone. Di più, come misura cautelativa, è stato deciso di aumentare i controlli alle frontiere. Eppure le paure restano, l’incubo Chernobyl si fa ancora sentire e probabilmente lo farà ancora per un po’: l’unica voce fuori dal coro è quella del ristorante Eito di via de’ Neri, che parla di una flessione tutto sommato irrilevante. E qualcuno vede segnali di (timida) ripresa: “Forse adesso la situazione sta un po’ migliorando – spiegano da Tomo Sushi, in via Pratese – sembra che i clienti ricomincino a tornare”.

 

E contro le paure spuntano gli orti fai da te

Dice la Coldiretti che con l’arrivo della primavera quasi quattro italiani su dieci escono all’aperto in orti, giardini e terrazzi e iniziano a impegnarsi nella coltivazione “fai da te” di lattughe, pomodori, piante aromatiche, peperoncini, zucchine e melanzane, ma anche di piselli, fagioli, fave e ceci da raccogliere all’occorrenza.

Coldiretti, che si affida all’ultimo rapporto sul tempo libero dell’Istat, secondo cui il 37 per cento dei cittadini italiani dedica parte del tempo libero al giardinaggio e alla cura dell’orto, precisa che non si tratta solo di chi dispone di ampi spazi all’aria aperta: l’orto fai da te è diventato prerogativa anche di chi ha un semplice terrazzo, grazie all’ampia offerta di piante adatte alla coltivazione in vaso. D’altronde, come sostiene il paesaggista e botanico Gilles Clément, recentemente intervenuto a Firenze nell’ambito di un’iniziativa della Fondazione Florens, il giardino deve essere in movimento, inteso come uno spazio in cui la natura non sia assoggettata e soffocata dalle briglie di un progetto, di uno schema preconfezionato.

Quindi, perché non portare un po’ di sana anarchia delle piante sul balcone? Un invito a nozze anche per chi non ha ancora scoperto il proprio pollice verde. Ma veniamo alle istruzioni di base per chi vuol cimentarsi nell’avventura di coltivare frutta e verdura in terrazza. Si può iniziare con la “ricetta” più semplice, consistente nel creare un mini-orto sul balcone con quattro vasetti di verdurine semplici da coltivare: in commercio si trovano anche kit già pronti per la semina, in genere comprendono semi di pisello rampicante, lattughina da taglio, pomodoro ciliegino e calendula. Altrimenti, sempre restando in uno spazio ridotto, si può aumentare la varietà, a patto che si metta in conto di aumentare anche il tempo da dedicare al proprio hobby. In questo caso è bene optare per piante rampicanti, come pomodori perini o da insalata, melanzane, peperoni, piselli, fagioli e fagiolini, ortaggi da foglia, come lattughe e cicorie, a foglia verde oppure rossa, oltre a cipolle, scalogno, aglio e carote, che maturano sotto terra. Per finire, gli esperti consigliano di riservare anche un piccolo spazio alle fragole, che faranno la felicità dei golosi e dei più piccoli, e agli aromi (basilico, sedano, prezzemolo normale e riccio, salvia ed erba cipollina).

Oltre a scegliere il prodotto, però, è fondamentale tener presente l’esposizione del balcone, perché le piantine necessitano di una buona dose di luce e calore per crescere bene, e il tipo di terra, che dovrebbe essere prelevata da un campo incolto di campagna e arricchita da concime organico. Il passo successivo è comprarsi un buon libro di ricette, per valorizzare al meglio in cucina i frutti del proprio lavoro.

Ultime notizie

Quando e dove si vota per il ballottaggio delle comunali 2020

Chi può votare, com'è fatta la scheda, quando e perché è previsto il secondo turno per scegliere il sindaco: i dubbi più comuni sulla seconda tornata elettorale

Libri scolastici con lo sconto: da Amazon alla Coop, come risparmiare

C'è chi sceglie l'usato (e spende la metà) e chi si affida al supermercato o ai siti internet con prezzi tagliati del 15% e promozioni, dai buoni ai punti spesa. La guida al risparmio per i libri di testo

Quarantena per chi arriva in Italia dalla Bulgaria: nuove regole per il rientro

Cosa dice la nuova ordinanza del Ministero della Salute per i viaggiatori che provengono dai paesi est europei come Bulgaria e Romania

L’Ecobonus riporta a galla il mercato dell’auto, ma ancora non basta per uscire dalla crisi

I recenti incentivi governativi stanno aiutando il mercato dell’auto a tornare ai livelli di vendite del 2019, chiudendo così...