lunedì, 29 Novembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaUn euro per entrare in...

Un euro per entrare in ztl. Via alla rivoluzione, ma solo sulla carta

La data X è arrivata. Da oggi cambiano le regole per artigiani e clienti di autorimesse che entrano nella ztl di Firenze. Ma la rivoluzione, al momento, è a metà.

-

La data X è arrivata. Da oggi cambiano le regole per artigiani e clienti di autorimesse che entrano nella ztl di Firenze: addio al telepass e all’abbonamento annuale da 65 euro, chi varcherà le porte telematiche dovrà pagare un euro. Ma la rivoluzione, al momento, è a metà. Gli artigiani in possesso dei vecchi telepass avranno un mese di tempo per mettersi in regola.

IL RIPENSAMENTO. Palazzo Vecchio ha infatti ritoccato in extremis le norme sull’accesso alla zona a traffico limitato, varando ieri delle variazioni. Gli artigiani si vedranno arrivare in questi giorni una raccomandata dalla Sas, l’azienda dei servizi alla strada che dipende direttamente dal Comune. Nella lettera sono comunicate le modifiche alle norme per entrare in ztl. Ma i vecchi telepass non andranno in pensione subito: saranno disattivati entro 30 giorni dal ricevimento della raccomandata.

IL RINVIO. Slitta l’entrata in vigore delle nuove regole per motocarri e ciclomotori a tre e quattro ruote (come Ape e minicar) : dal 19 dicembre saranno equiparate alle auto e quindi l’accesso sarà collegato alle caratteristiche del proprietario (residente, artigiano, trasporto merce). Via libera invece ai mezzi elettrici: gli artigiani dotati di veicoli “verdi” non dovranno pagare l’euro per entrare in ztl.

Ecco in dettaglio le regole, categoria per categoria

Artigiani e riparazioni di urgenza

L’artigiano, dopo aver indicato i veicoli che utilizza per lavoro, deve richiedere via sms l’autorizzazione prima di entrare in ztl, riportando la targa, la destinazione e il motivo dell’intervento. Una volta arrivato l’sms di risposta e scalato l’importo di un euro da una tessera a scalare aperta presso la Sas, il veicolo potrà entrare. I transiti dalle porte telematiche saranno autorizzati nelle due ore successive al ricevimento della conferma: il mezzo potrà quindi entrare e uscire dalla ztl in questa fascia oraria senza versare nuovamente un euro. Una volta entrato in ztl il veicolo potrà restare senza vincoli temporali, a patto di non uscire dalla zona a traffico limitato. Se l’artigiano ha già una lista di interventi da effettuare in centro, può richiedere un solo ingresso a patto di inviare, prima dell’inoltro dell’sms, via fax o via email l’elenco degli interventi con relativi indirizzi. I telepass comunque non verranno disattivati dal primo dicembre, ma entro 30 giorni dal ricevimento della raccomandata spedita dalla Sas.

Clienti di autorimesse in ztl

I cittadini diretti con il loro veicolo a un’autorimessa commerciale in centro dal primo dicembre devono pagare un euro per ogni singolo accesso. Spetterà al gestore del garage, che inserisce la targa in lista bianca, incamerare la somma. Chi ha un abbonamento con un garage in ztl può versare anticipatamente alla Sas l’importo di 60 euro (in caso di abbonamento semestrale) o di 120 euro (annuale). Gli abbonati avranno tempo fino al 31 dicembre per recarsi alla Sas (il giorno dopo il telepass cesserà di funzionare).

Veicoli finora esentati dalle regole ztl

Dal 19 dicembre una serie di veicoli che finora potevano circolare senza limitazioni in ztl, come motocarri, quadricicli, ciclomotori a tre e quattro ruote (Ape e minicar) saranno equiparati alle auto dal punto di vista delle autorizzazioni. L’accesso viene quindi collegato alle caratteristiche del proprietario (residente, artigiano, trasporto merce) e non più alla tipologia del veicolo. Per questo sarà necessario recarsi alla Sas e chiedere il permesso (e per i residenti e il trasporto merci anche il telepass collegato). Previste agevolazioni per i mezzi elettrici destinati al trasporto merci: la possibilità di circolare nella ztl senza limitazioni di orario. Inoltre anche gli artigiani con mezzo elettrico saranno esentati dal pagamento dell’euro.

Ultime notizie