lunedì, 6 Dicembre 2021
HomeSezioniArte & CulturaHack: ''Renzi un buon sindaco?...

Hack: ”Renzi un buon sindaco? Se ne parla bene…”

Ritorno nella sua amata Firenze per Margherita Hack, fiorentina doc, nata nel 1922. E' ancora una delle menti più brillanti della comunità scientifica italiana e ha vissuto lavorando in grande stile alla scienza astrofisica.

-

Ritorno nella sua amata Firenze per Margherita Hack, fiorentina doc, nata nel 1922. E’ ancora una delle menti più brillanti della comunità scientifica italiana e ha vissuto lavorando in grande stile alla scienza astrofisica. Prima donna a dirigere un osservatorio astronomico in Italia, ha svolto un’importante attività di divulgazione e ha dato un valido contributo alla ricerca per lo studio e la classificazione spettrale di molte categorie di stelle.

DOPPIO APPUNTAMENTO. Ieri è stata impegnata nella sua città per un doppio appuntamento. Nel pomeriggio ha parlato ad un folto pubblico alla libreria Giunti, in via Guicciardini, dove ha presentato il libro per ragazzi “Perché le stelle non ci cadono in testa?”, scritto con Federico Taddia. Successivamente si “trasferita” a Sesto Fiorentino per presentare l’ultimo nato: “La mia vita in bicicletta”. 

BAMBINI. Tra il pubblico anche bambini. Alla Giunti molti bambini hanno chiesto alla Hack i loro ‘dubbi’. Hack che ha dovuto spaziare dalla ‘fine della terra’ prevista tra 5 miliardi di anni alla spiegazione di cosa sono i buchi neri. In modo scientifico ma anche semplice e i bambini hanno fatto “Ooooohhhh” con stupore e meraviglia. Anche le cose più complicate possono risultare a portata di tutti: basta ci sia la Hack a spiegarle. Così è avvenuto per il nucleare.

Esclusiva de Il Reporter. Naturalmente non si è potuta sottrarre ai giornalisti.

Cosa pensa del nostro sindaco?

“Me lo dovete dire voi, è mezzo secolo che non vivo a Firenze. Rispetto all’ultima volta che sono venuta si respira un’aria più cosmopolita, più europea. Del sindaco di Firenze si parla molto bene ma questa domanda la dovete fare per strada ai cittadini: devono essere loro a giudicarlo, non io!”.

Firenze è al passo con le altre città europee in campo scientifico?

“Il Polo di Sesto mi piace molto, credo che la mia città stia lavorando bene e l’Università stia facendo un buon lavoro. Ripeto, è cambiata molto in pochi anni e ora si respira un’aria internazionale, una città così non può che essere al passo con i tempi. Ma al costo di ripetermi per un giudizio preciso dovrei viverci… queste sono solo impressioni”.

Ultime notizie