sabato, 23 Ottobre 2021
HomeSezioniArte & CulturaIl chiostrino dei morti riapre:...

Il chiostrino dei morti riapre: sarà l’ingresso del complesso museale di Smn

I lavori sono costati 425 mila euro. Il chiostrino adesso fungerà anche da nuovo ingresso al complesso museale adiacente alla chiesa, sul retro della stessa, condividendo una sala con l’Ufficio di informazioni turistiche di piazza della stazione.

-

Il Chiostrino dei Morti del museo civico di Santa Maria Novella torna visibile dopo 13 anni: chiuso nel 1999 per motivi di sicurezza a causa del degrado delle volte, adesso il luogo è stato restaurato e quindi riaperto al pubblico.

I LAVORI. I lavori sono costati 425 mila euro. Il chiostrino adesso fungerà anche da nuovo ingresso al complesso museale adiacente alla chiesa, sul retro della stessa, condividendo una sala con l’Ufficio di informazioni turistiche di piazza della stazione. Il Chiostrino dei Morti, così chiamato perché costruito sull’antico cimitero dei frati, risale al 1270 e fa parte del vasto complesso architettonico di Santa Maria Novella che comprende un vero e proprio sistema di Chiostri: il Chiostro Grande, il Chiostro Verde, il Chiostro della Sindicheria, il chiostrino di Padre Dati e il Chiostrino dei Morti, che comunica con il Chiostro Verde attraverso un lungo passaggio che fiancheggia il Cappellone degli Spagnoli e il lato orientale della basilica.

LA CHIUSURA… E LA RIAPERTURA. Quando fu decisa la chiusura, la superficie dei dipinti dell’apparato decorativo delle volte dei porticati si presentava pesantemente compromessa in tutta la sua estensione. In vaste porzioni l’intonaco pittorico era gravemente decoeso dall’arriccio, e questo dalla muratura. Nella croce di volta della prima campata del corridoio del Chiostrino, entrandovi dal Chiostro Verde, l’intonaco era caduto lasciando in vista la sottostante muratura in laterizio. I lavori hanno posto fine alla grave condizione di degrado in cui versava l’apparato decorativo delle volte del corridoio principale, evitandone la perdita e restituendolo al percorso museale, ed hanno consentito l’ apertura di un nuovo accesso al museo comunale da Piazza Stazione. L’intervento al Chiostrino è inserito in un più vasto programma di riqualificazione del contesto urbano di piazza Stazione, avviato dall’ amministrazione comunale negli ultimi due anni e che comprende la rimozione della pensilina, il riordino delle rotatorie nella piazza, il restauro dei fronti urbani della Caserma dei Carabinieri, la realizzazione delle stazioni ecologiche interrate, il potenziamento dell’ufficio di informazione turistica.

Ultime notizie