martedì, 27 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Aeroporto, via libera del consiglio...

Aeroporto, via libera del consiglio alla variante del Pit

Il consiglio regionale approva la proposta di variante per l'ampliamento dell'aeroporto di Peretola. La Giunta potrà esprimere parere favorevolenella conferenza di servizi del 7 dicembre. Nardella si scaglia contro la Lega, contraria: "Vogliono riportare i toscani nelle caverne"

-

Via libera del consiglio regionale alla risoluzione per l’ampliamento dell’aeroporto di Peretola. Un atto che permetterà al governatore Enrico Rossi di esprimere parere favorevole nella conferenza di servizi prevista a dicembre. La risoluzione è stata approvata con i 23 voti favorevoli del gruppo di maggioranza di Partito democratico. Contrari Movimento 5 Stelle, Lega e Sì-Toscana a sinistra, oltre alla consigliera Serena Spinelli di Mdp, per un totale di 7 voti contro. Si astengono Forza Italia e Fratelli d'Italia.

VERSO LA CONFERENZA DI SERVIZI

Approvando questa proposta, il consiglio regionale ha di fatto dato il suo mandato alla Giunta regionale presieduta da Enrico Rossi di esprimere parere favorevole nella conferenza di servizi per l’ampliamento dell’aeroporto che è in programma a dicembre.

Parere che il presidente della Regione sarà chiamato a esprimere il prossimo 7 dicembre durante la conferenza dei servizi decisiva in programma al ministero delle Infrastrutture. Un passaggio che comporterà la variazione del Pit, che prevederà così la realizzazione della pista parallela da 2.400 metri prevista per il potenziamento di Peretola.

LE REAZIONI: SODDISFATTI ROSSI E NARDELLA

Enrico Rossi ha espresso soddisfazione uscendo dall’aula dopo il voto: “Un risultato ottimo e abbondante”, lo ha definito. Sul tema è intervenuto anche il sindaco di Firenze Dario Nardella, puntando il dito contro la Lega: “La Lega col suo comportamento in consiglio regionale – ha detto – sta dimostrando di essere contraria allo sviluppo in Toscana: i politici leghisti vogliono far ripiombare la Toscana nel Medioevo, vogliono riportare i toscani nelle caverne. Ormai i leghisti hanno buttato giù la maschera: sono contro lo sviluppo della Toscana, sono contro la città di Firenze e la nostra area metropolitana: non hanno nulla di diverso dai loro compagni di governo che sono i 5 Stelle. Anzi, almeno i 5 Stelle lo hanno sempre detto e sono chiari: i leghisti vanno a targhe alterne, a giorni pari e a giorni dispari.

Ultime notizie

Cinema chiusi per Covid, film già visto: “No al Dpcm, sì a misure locali”

Le piccole sale rischiano grosso dopo l'ennesima chiusura per l'emergenza Covid. Abbiamo sentito il presidente di Spazio Alfieri, una tra i cinema d'essai più conosciuti a Firenze

Quante persone possono partecipare ai funerali: regole del dpcm Covid

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus del 24 ottobre in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti e per cosa scatta il divieto

Quante persone al ristorante? Il numero massimo previsto dal nuovo Dpcm

Il nuovo Dpcm 24 ottobre dice che possono sedere allo stesso tavolo del ristorante non più di 4 persone, con una sola eccezione: cosa cambia con le nuove regole

Nuovo Dpcm ottobre 2020: il testo in Gazzetta Ufficiale (pdf)

Chiusura delle palestre, "coprifuoco" anticipato per bar e ristoranti, semi-lockdown senza blocco degli spostamenti tra regioni: cosa prevede il testo del nuovo Dpcm di ottobre pubblicato in Gazzetta Ufficiale