lunedì, 8 Marzo 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Alluvione del '66, una corona...

Alluvione del ’66, una corona in Arno: ”Non dimentichiamo le vittime” / FOTO

Questa mattina la cerimonia del lancio della corona d’alloro dal Ponte alle Grazie. Giani: ''Non dimentichiamo il 4 novembre del 1966 e le 36 vittime che l’esondazione dell’Arno provocò''.

-

Una corona d’alloro in Arno nel 47esimo anniversario dell’alluvione.

LA CERIMONIA. “Non dimentichiamo il 4 novembre del 1966 e le 36 vittime che l’esondazione dell’Arno provocò”: queste le parole del presidente del consiglio comunale Eugenio Giani stamani durante la cerimonia del lancio della corona d’alloro dal Ponte alle Grazie, alla quale hanno partecipato alcuni consiglieri comunale, il sottosegretario alle infrastrutture Erasmo D’Angelis e il presidente dell’associazione Firenze Promuove Franco Mariani.

IL MONITO. “Un ricordo – ha aggiunto Giani – ma anche un monito, perché gli interventi a cui le amministrazioni pubbliche sono chiamate impediscano per il futuro una catastrofe come fu l’alluvione del 1966 ma anche le precedenti 18 occasioni di allagamento di cui dal XIII secolo in poi abbiamo memoria”.

GUARDA LE IMMAGINI

IL PONTE. Giani ha sottolineato l’importanza simbolica del Ponte alle Grazie, “oggi così sobrio – ha spiegato il presidente del consiglio comunale – ma un tempo custode di una delle celle che serviva da protezione per le inondazioni”. Stamani il Comune ha anche deposto un mazzo di fiori sulla tomba di Carlo Maggiorelli, addetto alla sorveglianza degli impianti idrici, prima vittima della furia dell’acqua.

Il programma dell’anniversario: Una corona di alloro in Arno per ricordare l’alluvione di Firenze

Ultime notizie

La presa del potere, lezioni di storia online dai più famosi teatri d’Italia

Un ciclo speciale delle Lezioni di Storia dal 7 marzo al 16 maggio in streaming, direttamente dal palco dei più importanti teatri italiani

Di che colore è la Toscana: zona rossa o arancione la prossima settimana (8-14 marzo)?

La prossima settimana (8-14 marzo) la Toscana resta in zona arancione, ma con qualche zona rossa locale: Pistoia, con le scuole chiuse, e due comuni tra Livorno e Pisa. Sorvegliate speciali Empoli e Prato

Fiorentina, contro il Parma è una gara da ultima spiaggia

Senza Ribery un vero e proprio spareggio tra pericolanti. Ballottaggio tra Eysseric e Callejòn: le probabili formazioni di Fiorentina - Parma