martedì, 21 Settembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaBarbara Cavandoli si dimette

Barbara Cavandoli si dimette

L'assessore allo Sport del Comune di Firenze, Barbara Cavandoli, si è dimessa, inviando una lettera dalla sua mail personale al sindaco e ai media cittadini. Alla base della decisione lo scontro tra Palazzo Vecchio e Fiorentina sul rinnovo della convenzione, che ha raggiunto l'apice della polemica nei giorni scorsi.

-

Risale solo a pochi giorni fa il litigio tra i vertici della società gigliata e alcuni dirigenti comunali, con conseguente richiesta di scuse da parte del patron Diego Della Valle rivolta allo stesso Matteo Renzi.

Uno strappo che il sindaco, attualmente negli Usa per partecipare alla conferenza dei sindaci americani, non è riuscito del tutto a ricucire. Così, in nottata, ecco arrivare la lettera della Cavandoli, che si dichiara “troppo delusa per continuare a lavorare al progetto”.

“Non vedo più il sogno – continua l’assessore – non riesco a vederlo più e questo rappresenta un impedimento a proiettare nel futuro i rapporti fra Comune e Fiorentina. E, dunque, mi fermo qui perché servono invece convinzione, slancio e ottimismo”.

Questa è una lettera di dimissioni – scrive la Cavandoli – Dopo tanto lavoro ero certa, sicura, che l’intesa fosse stata raggiunta. Lo stadio e l’area campini dovevano essere gestiti da Fiorentina con opportunità di sviluppo per la società, prove tecniche per la cittadella e nessun costo a carico della collettività. Consapevole del passaggio delicato rappresentato dalla convenzione avevo proposto a Fiorentina di scriverlo insieme. Non ci è stato offerto un appuntamento, ma un boccone amaro: il testo della convenzione scritto da Fiorentina che disattende gli accordi da me presi. Incredula, sorpresa, amareggiata e ancora oggi non riesco a capire il perché. E visto che la firma della convenzione potrà arrivare solo modificando l’impostazione fin qui sostenuta, io non posso essere più l’interlocutore giusto”.

Ultime notizie