martedì, 27 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Centri estetici cinesi nel mirino:...

Centri estetici cinesi nel mirino: scoperti undici irregolari

Maxi operazione portata avanti dalla prefettura fiorentina: sono state necessarie undici squadre diverse, una per ogni centro irregolare individuato.

-

 

Sono scattati i controlli nei centri estetici fiorentini gestiti da cinesi: unici sono stati trovati irregolari.

LE IRREGOLARITÀ. Alla prefettura di Firenze erano state segnalate diverse irregolarità, quindi sono scattati i controlli: è stata fatta un’attenta valutazione all’interno di undici centri estetici gestiti da cinesi. L’imprenditoria cinese attiva nel settore del benessere – viene spiegato – è infatti in questi ultimi tempi un business in forte espansione. Durante i controlli sono stati scoperti sette lavoratori a nero per i quali sono state elevate maxisanzioni per un totale di oltre trentamila euro. Questo per tre centri estetici ha significato la sospensione dell’attività, revocata il giorno dopo a seguito della regolarizzazione dei dipendenti non denunciati. Dove i titolari e i lavoranti erano regolari, mancava invece il pagamento dei contributi previdenziali per un ammontare complessivo di oltre quarantamila euro evasi. In altre situazioni, mancavano le registrazione dell’incasso e le ricevute fiscali ai clienti.

I SIGILLI. Oltre alle varie irregolarità ad uno dei centri estetici controllati sono stati posti subito i sigilli perché all’interno sono stati trovati strumenti estetici senza il possesso della licenza. Non sono stati invece scoperti  dipendenti clandestini né sono emersi elementi certi – viene spiegato ancora – da far ritenere che alcuni siti di massaggio  nascondessero in realtà l’esercizio della prostituzione.

UNA SQUADRA PER OGNI CENTRO. Tanti i gruppi di lavoro che hanno interessato questa indagine. È stato necessario infatti  intervenire sugli obiettivi individuati con undici squadre, una per ogni centro da controllare, composte da poliziotti, carabinieri, Nas, finanzieri, agenti della polizia municipale fiorentina e ispettori di Inps, Inail e Asl. L’azione simultanea delle undici squadre, effettuata lo stesso giorno e alla stessa ora, è stata coordinata e seguita in Prefettura da un’apposita cabina di regia.

DOPPIO RISULTATO. “Abbiamo ottenuto un doppio risultato – ha commentato il prefetto Luigi Varratta – da un lato abbiamo smascherato una serie di situazioni illecite, dall’altro abbiamo dato il via a una sanatoria; alcuni titolari si sono già messi in regola, mentre altre aziende senza autorizzazione verranno riqualificate come imprese artigiane. ” “Al tavolo di lavoro abbiamo registrato subito – ha spiegato Varratta – un frequente turn-over delle aziende cinesi, ditte con una vita media di un anno e mezzo, che chiudevano e riaprivano poco dopo con un altro nome, movimenti ambigui che suscitavano molti sospetti”.

Ultime notizie

Cinema chiusi per Covid, film già visto: “No al Dpcm, sì a misure locali”

Le piccole sale rischiano grosso dopo l'ennesima chiusura per l'emergenza Covid. Abbiamo sentito il presidente di Spazio Alfieri, una tra i cinema d'essai più conosciuti a Firenze

Quante persone possono partecipare ai funerali: regole del dpcm Covid

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus del 24 ottobre in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti e per cosa scatta il divieto

Quante persone al ristorante? Il numero massimo previsto dal nuovo Dpcm

Il nuovo Dpcm 24 ottobre dice che possono sedere allo stesso tavolo del ristorante non più di 4 persone, con una sola eccezione: cosa cambia con le nuove regole

Nuovo Dpcm ottobre 2020: il testo in Gazzetta Ufficiale (pdf)

Chiusura delle palestre, "coprifuoco" anticipato per bar e ristoranti, semi-lockdown senza blocco degli spostamenti tra regioni: cosa prevede il testo del nuovo Dpcm di ottobre pubblicato in Gazzetta Ufficiale