lunedì, 10 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaContro il traffico arrivano i...

Contro il traffico arrivano i semafori “furbi”

Arriva il "semaforo intelligente". Per una gestione più razionale del sistema stradale fiorentino.

-

Si apre l’era del “semaforo intelligente”, il primo passo verso quella Centrale della Mobilità che raccoglierà tutti i dati provenienti dai vari sistemi di gestione telematica della mobilità. In una prospettiva futura permetterà un miglioramento dei servizi e una gestione sempre più razionale ed efficiente del sistema stradale.

 

SENSORI. Entro l’anno verranno installati dei sensori di traffico (50 sensori aerei e una novantina di spire interrate) che permetteranno di monitorare l’afflusso di veicoli presso i principali semafori nelle varie ore della giornata e di modificare automaticamente la scelta del piano semaforico più opportuno. Ad oggi sono 160 gli incroci gestiti (il vecchio sistema di controllo ne gestiva solo 60) su un totale di 318. Si tratta delle intersezioni significative per la circolazione, alcuni semafori sono infatti collocati su strade secondarie e quindi non necessitano, secondo gli uffici della mobilità, di essere inseriti nel nuovo sistema.

VERSO UNA CENTRALE DELLA MOBILITA’. “Questo intervento sui semafori rappresenta solo una prima tappa verso la creazione della Centrale della Mobilità – sottolinea l’assessore alla mobilità e manutenzioni Massimo Mattei – . Nell’ambito di un progetto integrato Comune-Provincia finanziato con risorse statali e regionali è infatti in corso di realizzazione il sistema di Supervisione del traffico”.

PER UN SERVIZIO MIGLIORE. Il nuovo sistema mirerà ad un monitoraggio controllato dei vari dati provenienti dai sistemi di gestione telematica della mobilità (porte telematiche della ztl, accessi dei parcheggi di struttura, telecamere, sensori di traffico, pannelli a messaggio variabile etc.) e permetterà di adottare le scelte più adeguate alle varie situazioni. Ma il progetto permetterà anche di migliorare significativamente la capacità di comunicazione in tempo reale con gli utenti che, utilizzando i canali di comunicazione oggi più diffusi (dai siti web ai cellulari), potranno essere velocemente avvertiti riguardo anomalie o ritardi nel sistema (ritardo dei mezzi pubblici o congestione delle principali direttrici).

Ultime notizie