domenica, 20 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Cosa c’è da vedere al...

Cosa c’è da vedere al Festival Giapponese di Firenze

All’Ippodromo del Visarno una grande festa giapponese per conoscere da vicino la cultura del Paese orientale, assistere a spettacoli e mangiare cibo tradizionale

-

Il Festival giapponese di Firenze torna all’Ippodromo del Visarno: la 20esima edizione della kermesse, organizzata dall’associazione culturale Lailac, porta in città 40 ospiti direttamente dal Paese orientale e propone tante occasioni di incontro per scoprire tradizioni, costumi e prodotti gastronomici del Sol levante.

La mappa

Da venerdì 23 a domenica 25 novembre 2018, sono oltre 50 gli appuntamenti in programma tra cultura, spettacoli, cibo, seminari, proiezioni. Ci saranno workshop di originami e show di musica tradizionale, ma anche momenti per la cerimonia del tè e degustazioni di sake.

Gli eventi sono raggruppati in base ai diversi argomenti, con vari spazi tematici: quello dedicato agli spettacoli dal vivo e alle dimostrazioni pubbliche delle arti tradizionali una seconda zona riservata alle arti marziali. E poi ancora il mercato con tante bancarelle dove trovare artigianato giapponese, abbigliamento e oggettistica; l’area workshop per origami, calligrafia e l’etegami; l'area per conferenze e incontri e quella dedicata allo street food giapponese, dove non ci saranno solo sushi e sashimi, ma anche cibi tradizionali molto gustosi.

Il meglio del programma del festival giapponese 2018 a Firenze

Grandi protagonisti, con un doppio spettacolo, i celebri danzatori Manjushaka, gruppo di danza modern-kabuki, con i loro suggestivi costumi e le danze che sono un mix tra antiche tradizioni e teatro moderno. Spazio inoltre a una dimostrazione di Bushido, arte degli antichi samurai, curata dal maestro Tomita Takeji, e a un’esibizione di tamburi taiko e karatè a cura della Sayuri Shindo, il gruppo italiano della Kikai Dojo.

Tra gli eventi, seminari sui bonsai a cura dell’Associazione Toscana ATABS, racconti di viaggio e pellegrinaggi in Giappone, incontri sui massaggi shiatsu giapponesi, oltre alla mostra fotografica di Koike Hisen, una celebre artigiana di bambole giapponesi, che racconta “L’eleganza di Edo che vive con le bambole”.

Dal Giappone arriverà inoltre l'associazione nazionale Etegami con 21 membri che faranno provare l'esperienza di scrivere e disegnare una cartolina da inviare ad un proprio caro e offriranno la possibilità di scambiare cartoline etegami con un pen-friend nipponico.

Festa fiapponese Firenze - Festival Giappone Ippodromo Visarno biglietti

Foto: Fulvio Chiari

Una festa non solo giapponese

Il Festival Giapponese rappresenta un punto di contatto tra Oriente e Occidente, come testimonieranno degli ospiti speciali: un intero corpo di ballo, composto da italiani, che si cimenterà nella tradizionale danza nipponica nihon buyo, divenuta celebre grazie alle geisha. Altri allievi italiani parteciperanno alla cerimonia del tè indossando il kimono, mentre un gruppo di musici italiani suoneranno gli strumenti tradizionali hayashi.

“Il nostro festival rivolge la massima attenzione all’eccellenza artistica e culturale – spiegano gli
organizzatori – e desidera soprattutto coinvolgere il pubblico offrendo l’occasione di indossare un
kimono
o di sedere come ospite ad una cerimonia del te, insomma far provare delle esperienze”.

Orari e informazioni utili

La manifestazione è aperta dal 23 al 25 novembre, all'Ippodromo del Visarno, dalle ore 11 alle 21, con ingresso dal piazzale delle Cascine. Il biglietto costa 2 euro ed è gratuito per i bambini fino a 10 anni e per i Soci Lailac 2018.

Tutte le informazioni sul sito del Festival Giapponese 2018 di Firenze.

Ultime notizie

Elezioni regionali Toscana 2020, affluenza alta: alle ore 12 è del 14,67%

I dati sull'affluenza alle urne alle ore 12 del 20 settembre per le elezioni regionali 2020 della Toscana: aggiornamenti alle ore 19 e 23

Fiorentina-Torino, le immagini della gara

Biraghi, Castrovilli e Chiesa i migliori in campo

Referendum 2020: affluenza al 12,25% alle ore 12

I dati sull'affluenza al referendum 2020 sul taglio dei parlamentari a partire dalle ore 12 del 20 settembre. Sulle previsioni pesa l'incognita Covid