La pavimentazione della piazza è sopraelevata rispetto al marciapiede, in modo da dare risalto allo spazio. Sul lato del loggiato e su quello di fronte, la pietra si ripiega in un bordo rialzato che va a formare una lunga seduta. All’inaugurazione, che avverrà martedì 15 luglio alle 21, sono invitati tutti i cittadini insieme all’assessore alla partecipazione democratica Cristina Bevilacqua e al presidente del quartiere 3 Andrea Ceccarelli. Il programma della serata, organizzata in collaborazione con la ditta Vescovi Renzo Spa che ha eseguito i lavori, prevede la sfilata in costume di una rappresentanza del corteo storico della Repubblica Fiorentina, un rinfresco e lo spettacolo dei ‘No Profit band’ che devolverà il ricavato del concerto ad alcune associazioni di volontariato.

La nuova piazza (il costo è di circa 800mila euro) è stata presentata stamani dall’assessore Cristina Bevilacqua insieme al presidente del quartiere 3 Andrea Ceccarelli e all’architetto Alberto Breschi capogruppo dei progettisti vincitori del progetto (Studio Ferrara Associati). “Piazza Istria è stata progettata come cuore dell’insediamento di Sorgane, tra il 1962 e l’inizio degli anni Settanta per divenire il centro sociale, aggregativo e funzionale del quartiere di Sorgane. La ristrutturazione va nella direzione di ridare questa identità alla piazza, per ricostituire attorno ad essa il centro vitale del quartiere – ha dichiarato Cristina Bevilacqua, assessore alla Partecipazione Democratica e ai Rapporti con i Quartieri – la nuova piazza, pensata con un processo di partecipazione dei cittadini, costituirà un luogo di incontro, sia nelle occasioni della quotidianità, sia in momenti destinati ad eventi e manifestazioni culturali e per il tempo libero.”

Piazza Istria rientra nel progetto “Tre piazze per Firenze” per sperimentare forme di coinvolgimento dei cittadini nei processi decisionali riguardanti spazi aperti. “Finalmente una grande piazza per il quartiere – ha detto Andrea Ceccarelli– uno spazio recuperato e restituito alla città dove i cittadini potranno sostare e che rientra nel progetto più grande della riqualificazione di tutta la zona di Sorgane dove poco tempo fa abbiamo inaugurato il nuovo parco vicino a via Isonzo. Non solo. – ha continuato Andrea Ceccarelli – in questi anni abbiamo rivolto una particolare attenzione alla riqualificazione anche con interventi di miglioramento della viabilità, rifacimento di alcuni spazi verdi, apertura di nuovi giardini pubblici, oltre alla ormai prossima realizzazione di percorsi naturalistici e di trekking sulla Collina di Sorgane”. L’area pedonale è delimitata sui lati nord-sud da due lunghe sedute. Complessivamente sono state sistemate 14 panchine più due lunghi sedili in pietra per altri 36 posti per un totale di 96 posti nella piazza. Le zone d’ombra sono aumentate di numero con la collocazione di due filari di liriodendrom in corrispondenza con le sedute, in questo modo lo spazio centrale resterà libero per i giochi, gli spettacoli, le esposizioni. Sono stati rifatti gli impianti di illuminazione, tutti con elementi a risparmio energetico, a cura della Silfi Spa e quelli per lo smaltimento delle acque. In particolare la piazza sarà illuminata da 6 coppie di lampioni e da vari altri punti luce che sono stati collocati distanti rispetto alle abitazioni per evitare disagi causati dall’inquinamento luminoso agli abitanti degli edifici limitrofi.

“Questa è una piazza nuova che nasce a Firenze – ha sottolineato l’architetto Breschi – ma che non ha che fare con certe caratteristiche tipiche della fiorentinità, ma piuttosto uno spazio di respiro contemporaneo, europeo, con un’impronta adeguata al tempo che stiamo vivendo”. E’ stato anche collocato un fontanello costituito da una struttura a forma di parallelepipedo realizzata in continuità con gli elementi e i materiali utilizzati per la piazza. Altre a questo, nell’area interessata sono stati eseguiti alcuni interventi migliorativi, non previsti dal progetto originario. In particolare, è stata risistemata con un nuovo muretto l’aiola che si trova dietro la pensilina abbellendola con una fila di rose, è stato predisposto l’impianto d’irrigazione in tutte le aiole, sono stati piantati 7 nuovi oleandri oltre alle alberature previste nel progetto: 10 liriodendrom e 10 susini. Il loggiato ha un rivestimento interno in acciaio e un’illuminazione diffusa. Dal loggiato aperto sulla parte posteriore si intravede il verde retrostante. Così come richiesto dai cittadini è stata risistemata, a cura del Quartiere 3, anche la piccola rampa di accesso e il muretto sul lato della piazza e un dissuasore per evitare l’accesso alle autovetture.