sabato, 23 Ottobre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaEuropei -1, l'Italia si prepara....

Europei -1, l’Italia si prepara. E Firenze sarà alla partita inaugurale

Domani il fischio d'inizio della manifestazione, con la gara tra Polonia e Grecia: quarto uomo sarà il fiorentino Gianluca Rocchi. Intanto la squadra di Prendelli, dopo la toccante visita ad Auschwitz, cerca di trovare l'assetto migliore.

-

Ci sarà anche un pezzo di Firenze alla partita inaugurale degli Europei, in programa domani alle 18 tra Polonia e Grecia.

ROCCHI. Quarto uomo della partita sarà infatti l’arbitro fiorentino Gianluca Rocchi. Così, il capoluogo toscano sarà in qualche modo rappresentato nella gara che aprirà la manifestazione che si concluderà domenica 10 luglio, con la finale.

PRANDELLI. E proprio quel giorno un altro “fiorentino” si augura di esserci: il ct azzurro Cesare Prandelli. Ormai manca pochissimo anche al debutto della sua Italia, in programma domenica 10 luglio contro la Spagna. Dopo la “batosta” rimediata in amichevole contro la Russia, il tecnico ha deciso di correre ai ripari, nonostante l’infortunio di Barzagli, pedina che il ct riteneva fondamentale in difesa dopo l’ottima stagione disputata con la Juventus.

DIFESA A TRE. Nella partita d’esordio con la Spagna, Prandelli dovrebbe comunque optare per una difesa a tre: due juventini – Chiellini e Bonucci – e un romanista – De Rossi – adattato dunque in un ruolo che ha già ricoperto con la maglia giallorossa in più di un’occasione.

CHIELLINI. E proprio Chiellini è stato uno dei più colpiti dalla visita ai campi di concentramento di Auschwitz e Birkenau che la nazionale azzurra ha fatto ieri mattina. “Il momento più toccante dei tanti che abbiamo vissuto è stato quando i tre sopravvissuti allo sterminio ci hanno fatto vedere i loro tatuaggi. E’ incredibile quello che è successo ed è incredibile come queste persone siano state strappate ai loro affetti e abbiano passato tutto quello che hanno passato”, ha raccontato ieri, come riportato dalla Figc. “Ho detto ai miei amici e ai miei cari che una visita qui va fatta per forza: vedere con i propri occhi il luogo materiale dove queste stragi sono avvenute lascia dei sentimenti incredibili. Parlare con quelle persone ancora di più. Ognuno dovrebbe venire qui per capire e far sì che certe cose non accadano più”, ha aggiunto il difensore.

FORMAZIONE. Tornando al campo giocato, Prandelli sfrutterà gli ultimi allenamenti a disposizione per studiare fino all’ultimo la forazione anti-Spagna. Ma il ct sembra avere le idee già molto chiare. Ed è bene che sia così: l’avventura europea sta veramente per cominciare.

Ultime notizie