giovedì, 6 Agosto 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Gabriele Sandri: si trattò di...

Gabriele Sandri: si trattò di omicidio volontario

Il procuratore generale della Cassazione ha chiesto la conferma della condanna dell'agente accusato di omicidio volontario nei confronti del tifoso laziale Gabriele Sandri, ucciso l'11 novembre 2007.

-

E’ stata confermata la condanna d’appello pari a nove anni e quattro mesi di reclusione dell’agente della Polstrada, Luigi Spaccarotella, accusato di omicidio volontario nei confronti del tifoso laziale Gabriele Sandri, ucciso l’11 novembre 2007.

OMICIDIO VOLONTARIO. Ha chiedere la conferma della condanna era stato il procuratore generale della Cassazione, Francesco Iacoviello. Per il pg si trattò di omicidio volontario e non colposo, come invece ritenuto dai giudici di primo grado. Per il pg, l’agente sparò perchè ”voleva colpire la macchina e l’ha colpita”. L’agente potrebbe finire in carcere già dalle prossime ore.

LA VICENDA. Gabriele Sandri fu ucciso l’11 novembre 2007 nell’area di servizio dell’A1 Badia al Pino da un colpo di pistola sparato dal poliziotto Luigi Spaccarotella, che si trovava dall’altra parte dell’autostrada.

Ultime notizie

Viaggiare in auto, nuovo decreto: in quanti si può andare in macchina?

Si può essere in tre nell'abitacolo? Posso fare una gita con gli amici? E se si fa parte dello stesso nucleo familiare? Le regole anti-Covid dopo l'ultimo dpcm

Bonus computer 2020: ok dell’Ue al voucher da 500 euro per l’acquisto di un pc

Un buono da 500 euro riservato ai redditi bassi per l'acquisto di pc, tablet o connessione a internet: come funziona il bonus computer

Coronavirus in Toscana, 11 nuovi casi. Due positivi dai test negli aeroporti

Dieci nuovi casi e di nuovo un paziente in terapia intensiva: dati e notizie di oggi, 5 agosto, sul coronavirus in Toscana

Cinema a Villa Bardini: i film in programma ad agosto

Per la prima volta il grande schermo arriva in uno dei parchi storici più belli della città. Film anche ad agosto e un giorno a settimana la proiezione è gratis per le famiglie