martedì, 27 Settembre 2022
HomeSezioniCronaca & PoliticaLa Regione si "taglia" 33...

La Regione si “taglia” 33 milioni

Rossi elenca poi i punti qualificanti della proposta che porterà un risparmio stimato di 33 milioni di euro.

-

Pubblicità

“Non è nostro costume – ha sottolineato il presidente – limitarci a protestare o chiamare i cittadini alla mobilitazione. Siamo una maggioranza di governo e intendiamo dare il nostro contributo, anche come Regione, per il controllo della spesa pubblica. Cogliamo dunque l’occasione di una situazione straordinaria per portare avanti una riforma che elimini gli sprechi e le ridondanze del sistema”.

Rossi elenca poi i punti qualificanti della proposta che porterà un risparmio stimato di 33 milioni di euro.

Pubblicità

DOVE TAGLIARE. Via le indennità, riduzione a metà dei compensi per i revisori degli enti, revisione del sistema delle società di gestione per le case popolari, revisione, caso per caso, delle spese di adesione ad associazioni cui la Regione ha aderito: attualmente sono 56 le associazioni e 600 mila euro la spesa.

Ancora: Rossi presenta altre proposte, sulle quali ribadisce al Consiglio la volontà di parlarne e discuterne insieme per giungere alle decisioni più opportune. Gli enti interessati sono l’Arsia, l’agenzia che si occupa di agricoltura, l’azienda di Alberese e quella di Migliarino San Rossore.

Pubblicità

LE APT E GLI ENTI. Simile il ragionamento sulle Apt, attualmente 14 in tutta la Toscana, ma senza la possibilità di svolgere promozione all’estero. Rossi ribadisce che, quello presentato, è un pacchetto aperto, ma con alcuni punti fermi. “Non è possibile – ribadisce – che la Regione sia chiamata a ripianare bilanci di gestione di società come gli Enti Fiera o le Terme, non possiamo più permettercelo”.

BILANCIO PRESENTATO ENTRO DICEMBRE. La conclusione del presidente ribadisce le parole introduttive. “Quelle che oggi porgo alla discussione del Consiglio Regionale sono le prime proposte della giunta, su cui dovremo discutere e confrontarci. Ne seguiranno altre. Ma la linea è tracciata e resta fermo che la Toscana presenterà il bilancio entro il dicembre 2010”.

Pubblicità

La proposta ha raccolto il pieno appoggio della maggioranza che ha invitato la giunta ad andare avanti con celerità.

Pubblicità

Ultime notizie