E’ finito nel peggiore dei modi il “giallo” dell’anziano scomparso da casa dopo aver lasciato un bigliettino in cui spiegava che i suoi vestiti sarebbero stati trovati sotto il ponte di Varlungo.

Subito erano scattate le ricerche del 74enne, compiute anche con l’aiuto dei sommozzatori, dopo che in effetti gli abiti dell’uomo erano stati ritrovati nel punto indicato. 

Poi, dopo alcune ricerche, sono stati proprio i sommozzatori a trovare, nelle acque dell’Arno, il cadavere dell’anziano.