mercoledì, 25 Novembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Le scuole si sono...

Le scuole si sono fatte belle

Più di 7 milioni e mezzo di euro per ristrutturare, riqualificare, mettere a norma 70 scuole della città (in tutto gli edifici scolastici sono 199): è la cifra che il Comune ha stanziato per il 2008.

-

Gli interventi sono stati presentati stamani dagli assessori alla pubblica istruzione e ai rapporti coi quartieri Daniela Lastri e Cristina Bevilacqua insieme a Gian Luca Paolucci, Andrea Ceccarelli e Stefania Collesei presidenti dei quartieri 2, 3 e 5.

“Solo i quartieri hanno speso più di 4milioni e100mila euro per gli edifici scolastici quest’anno – ha specificato l’assessore Cristina Bevilacqua- . Quasi 2milioni e mezzo di euro sono per interventi che verranno ultimati per l’avvio dell’anno scolastico e comunque entro ottobre e circa 1milione e 600mila euro per lavori che termineranno entro dicembre 2008. Nel decennio i quartieri hanno stanziato 43milioni di euro per gli edifici e 33 per i giardini delle scuole “.

Salvo alcune situazioni eccezionali di rifacimento generale della struttura, i lavori si sono svolti tutti esclusivamente nel periodo estivo. “Possiamo dire – ha aggiunto l’assessore Daniela Lastri – che le scuole di Firenze in questi anni hanno cambiato la loro immagine. Non solo abbiamo effettuato interventi di messa a norma antincendio, di abbattimento delle barriere architettoniche o messa a norma igienico – sanitaria, ma anche sistemazione dei giardini, ritinteggiatura degli ambienti per renderli sicuri ma anche gradevoli.I primi anni duemila verranno ricordati per il fatto che le scuole di Firenze hanno cambiato la loro fisionomia, non più edifici austeri e un po’ anonimi, ma ambienti con tanti colori e realizzati con materiali eco compatibili”.

Delle 70 scuole nelle quali sono stati fatti gli interventi 27 sono scuole dell’infanzia, 28 elementari e 15 scuole medie. In particolare gli interventi più consistenti sono stati fatti alla Pilati, Calamandrei, Beato Angelico, Paolo Uccello, Locchi, Edoardo De Filippo. Nelle scuole A.del Sarto, Pilati, Ben. da Rovezzano, Grifeo, De Filippo, Mazzanti, Beato Angelico, Paolo Uccello,Des.da Settignano, Diaz, Pirandello i lavori proseguiranno anche in corso d’anno, in accordo con la dirigenza della scuola, soprattutto nelle aree esterne o in sezioni degli edifici opportunamente e rigorosamente compartimentate. Nella scuola media Calamandrei i lavori, per l’eliminazione dell’amianto e la completa messa a norma dell’edificio, interesseranno tutta la struttura e dureranno un intero anno scolastico, durante il quale le classi verranno trasferite presso la scuola Rosai di via dell’Arcovata, inaugurata all’inizio dello scorso anno scolastico.

Alcuni interventi, che hanno riguardato la scuola dell’infanzia, erano finalizzati alla creazione delle condizioni per l’accoglimento di nuove ulteriori sezioni (Balducci, Giotto, Carducci) per l’eliminazione totale delle liste d’attesa.

“I lavori realizzati riqualificano gli spazi scolastici per renderli più vivibili – hanno detto i presidenti Paolucci, Ceccarelli e Collesei-. Entro la fine del mandato amministrativo completeremo la messa a norma e in sicurezza di tutte le scuole della città”.

 

Ultime notizie

Babbo Natale passa anche col Covid? I consigli della psicologa del Meyer

Tanti bambini chiedono se Babbo Natale passerà anche quest'anno, nonostante il coronavirus. Il Reporter ha chiesto consiglio a una psicologa infantile del Meyer su come vivere queste strane feste insieme ai più piccoli

Quanti contagiati oggi in Italia: record di morti e casi in aumento

I dati del 24 novembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

Covid Toscana 24 novembre: contagi sotto quota 1.000. I dati del bollettino

Giù nuovi contagi, ricoverati e persone attualmente positive. Resta alto il numero dei morti. I principali del del bollettino Covid della Regione Toscana, aggiornato al 24 novembre 2020

Dove si può viaggiare nonostante il Covid

Sembra strano, ma andare all'estero è ancora possibile: i paesi dove si può viaggiare e le regole in vigore fino al 3 dicembre