Il progetto di nuovi alloggi ha ricevuto il finanziamento dallo Stato nell’ambito del decreto del 16 marzo 2006 di edilizia pubblica nelle grandi città, per un importo di 2 milioni 573.490 euro pari al 50% del costo complessivo dell’intervento. Il restante 50% sarà a carico di Casa spa (la cui quota azionaria del Comune Firenze è del 59%).

I nuovi alloggi (la cui superficie sarà compresa tra i 45 e i 75 metri quadrati) saranno concessi in affitto agevolato a nuclei familiari con provvedimento di sfratto esecutivo ed avranno precise caratteristiche sperimentali, orientate alla riduzione del consumo energetico, all’utilizzo di materiali e tecniche di bio-edilizia e senza barriere architettoniche. I

l via libera alla variante da parte dell’assemblea di palazzo Vecchio è l’atto conclusivo della procedura urbanistica.

L’area della ex fabbrica Longinotti, già parzialmente riqualificata con l’introduzione di un centro commerciale, di spazi per gli abitanti del quartiere e di due nuove piazze, sarà completata dalla creazione del nucleo abitativo. Il consiglio comunale ha inoltre approvato la richiesta avanzata dal quartiere 3 di dilatare lo spazio disponibile a 750 metri quadrati, in modo da permettere la concentrazione di alcuni servizi di quartiere quali  la ludoteca, l’Anagrafe e Stato Civile, l’Infolavoro, l’Anagrafe del lavoro, gli uffici Inps e l’Urp.