lunedì, 26 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Microplastiche nel Mediterraneo, a rischio...

Microplastiche nel Mediterraneo, a rischio le balenottere

Grazie ad una ricerca portata avanti dall'università di Siena è stato possibile scoprire la presenza di microplastiche all'interno del nostro mare. Queste danneggiano gravemente gli organismi marini, ostacolandone la riproduzione.

-

 

Una ricerca dell’Università di Siena ha portato in superficie un problema che riguarda il mar Mediterraneo e le balenottere che lo abitano.

LE MICROPLASTICHE. Sono particelle di meno di cinque millimetri derivate dalla degradazione di rifiuti plastici e impattano pesantemente sul plancton e quindi sugli organismi marini. Di queste sostanze ne è stata trovata, nel mar Mediterraneo e nell’area protetta del Santuario dei Cetacei,una quantità allarmante: il valore medio è di 0,62 particelle di microplastica per metro cubo; un valore simile a quello riscontrato nelle isole di spazzatura che galleggiano nell’oceano Pacifico. I maggiori livelli riscontrati sono nel mar Ligure, con una presenza sette volte superiore rispetto al mar di Sardegna.

LE BALENOTTERE. La balenottera comune è uno dei più grande filtratori al mondo di acqua marina ed è anche una specie a rischio di estinzione. Attraverso degli studi  portati avanti dalla gruppo di ricerca della professoressa Maria Cristina Fossi dell’università di Siena, la balenottera è risultata contaminata in modo preoccupante dai derivati più nocivi della plastica che hanno la capacità di interferire sulle capacità riproduttive. Questo è stato il primo studio al mondo al riguardo e ha verificato, attraverso analisi tossicologiche effettuate su campioni di grasso sottocutaneo, la  presenza di microplastiche nel plancton e nelle balenottere.

IL CAMPIONE. Attraverso un dardo (in foto) appositamente modificato i ricercatori riescono ad asportare, in una procedura che non ha controindicazioni per la salute dell’animale, una piccola porzione di pelle e grasso sottocutaneo che permette di fare le analisi tossicologiche più accurate: quantificare il livello di inquinanti e valutare gli effetti tossicologici come le variazioni genetiche indotte. “Adesso vogliamo analizzare meglio gli effetti tossicologici dell’inquinamento da plastiche – dice la professoressa Fossi – non solo sulla balenottera comune ma anche su altri organismi, come le tartarughe, lo squalo elefante e i pesci che vivono sul fondale marino come la sogliola”.

Ultime notizie

Cinema chiusi per Covid, film già visto: “No al Dpcm, sì a misure locali”

Le piccole sale rischiano grosso dopo l'ennesima chiusura per l'emergenza Covid. Abbiamo sentito il presidente di Spazio Alfieri, una tra i cinema d'essai più conosciuti a Firenze

Quante persone possono partecipare ai funerali: regole del dpcm Covid

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus del 24 ottobre in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti e per cosa scatta il divieto

Quante persone al ristorante? Il numero massimo previsto dal nuovo Dpcm

Il nuovo Dpcm 24 ottobre dice che possono sedere allo stesso tavolo del ristorante non più di 4 persone, con una sola eccezione: cosa cambia con le nuove regole

Nuovo Dpcm ottobre 2020: il testo in Gazzetta Ufficiale (pdf)

Chiusura delle palestre, "coprifuoco" anticipato per bar e ristoranti, semi-lockdown senza blocco degli spostamenti tra regioni: cosa prevede il testo del nuovo Dpcm di ottobre pubblicato in Gazzetta Ufficiale