mercoledì, 7 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica “Più visibilità per i progetti...

“Più visibilità per i progetti solidali”

Ottimi risultati per la collaborazione tra la Web&Press edizioni e I.e.s.a. Ma non solo. L’amministratore unico del gruppo Patrizio Donnini annuncia che la promozione dell’iniziativa andrà avanti: “Diamo spazio alle esigenze di chi è in difficoltà”. Aiuti anche agli animali.

-

Un grande successo, a dimostrare che affermazione in campo imprenditoriale e attenzione al sociale possono andare a braccetto. E che, quando lo fanno, i risultati non mancano. Il successo è quello della collaborazione tra la “Web&Press edizioni” e il progetto I.e.s.a., iniziativa dell’azienda sanitaria di Firenze che prevede l’inserimento di adulti con disturbi psichici nelle famiglie.

Da quando, alcuni mesi fa, è iniziata questa partnership (attraverso pubblicazioni gratuite su “La Locandina” e “Il Reporter”), i numeri del progetto Iesa (l’acronimo sta per “Inserimento eterofamiliare supportato e assistito”), che ha come obiettivo quello di inserire adulti affetti da disturbi psichici – anche leggeri – in cura nei centri di salute mentale, in famiglie che ne fanno richiesta (e che riceveranno un contributo mensile di 1.200 euro), con il fine di un loro reinserimento sociale e di una loro uscita dall’isolamento in cui nel tempo sono purtroppo finiti, sono lievitati. “Risultati ottimi” quelli ottenuti, secondo i tre psicologi che fanno parte dell’equipe di Iesa, ovvero Virginia Quaranta, Davide Musian e Sara Binazzi, risultati raggiunti “grazie all’impegno e alla disponibilità di Patrizio Donnini”, amministratore unico del gruppo Web&Press che, da parte sua, annuncia di voler continuare a promuovere questo progetto. Che, sebbene l’ultimo, non è certo l’unico a cui la “Web&Press edizioni” ha dato vita in questi ultimi anni.

La disponibilità verso il settore sociale non è certo mancata, come dimostra, ad esempio, anche l’accordo sottoscritto con “Gli amici della terra” per l’adozione di cani. “I progetti solidali devono avere una maggiore visibilità – spiega Patrizio Donnini – così come i progetti che si occupano di persone che hanno difficoltà, e che spesso coinvolgono troppo poco le famiglie interessate”. Ma non solo. “Purtroppo, troppo spesso anche gli animali sono coinvolti da problemi che, per i costi della pubblicità, non trovano spazio sui giornali, e dunque non trovano soluzioni – continua Donnini – la Web&Press, invece, vuol dare spazio a queste vicende per aiutare chi se ne occupa a risolverle”.

E a trovare soluzioni per chi ne ha bisogno. Come i tanti cani che hanno trovato una casa grazie alla disponibilità del gruppo fiorentino, o come le persone affette da disturbi psichici che, attraverso la pubblicazione gratuita su “La Locandina” e “Il Reporter”, hanno trovato una nuova casa e nuove speranze, con vantaggi economici anche per l’azienda sanitaria di Firenze e le famiglie che hanno aderito al progetto e che, grazie a questo, possono contare su un introito in più. Progetto che la “Web&Press edizioni” continuerà a promuovere “grazie all’aiuto di tutte le persone che, con il loro volontariato – conclude Donnini – si rendono disponibili a portare avanti questi progetti di solidarietà. A tutte loro voglio esprimere il mio ringraziamento”.

Ultime notizie

Palawanny, ci siamo. Entro un anno la nuova casa de Il Bisonte volley

Stavolta sembra essere la volta buona: lavori al via, palazzetto pronto per la prossima stagione. Con un progetto che guarda lontano

Quando si può togliere la mascherina senza rischiare una multa

Mentre si attende il nuovo dpcm, alcune Regioni hanno già stabilito l'obbligo di indossare la mascherina anche all'aperto: ma quando si può stare senza? E come comportarsi se si corre e si va in bici?

Giornate Fai d’autunno 2020: a Firenze e in Toscana 33 luoghi aperti

Da un micro-teatro, alla quercia monumento, fino a 3 vagoni da Oscar. I più interessanti luoghi da visitare in Toscana per le Giornate Fai di autunno, che nel 2020 si svolgono su 2 weekend

Eike Schmidt: “I miei Uffizi per tutti”

Intervista al direttore degli Uffizi. "La nostra missione? Educare e diffondere: lo facciamo dal Settecento”