martedì, 26 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Pulizia strade settimanale addio: lo...

Pulizia strade settimanale addio: lo spazzamento notturno una volta al mese

Annunciata dal sindaco Renzi la ''rivoluzione'' della pulizia delle strade, che inizierà quest'anno per completarsi nel 2013. Novità anche per la raccolta dei rifiuti e l'illuminazione.

-

Annunciata dal sindaco Matteo Renzi quella che è stata ribattezzata una “rivoluzione Copernicana” e che riguarda non solo cambiamenti dei servizi di raccolta e spazzamento notturno delle strade fiorentine, ma anche il nuovo piano illuminazione e il rifacimento di alcune delle principali strade del centro. La decisione di fissare lo spostamento delle auto per la pulizia non una volta alla settimana ma una al mese riguarderà tutta la città: il provvedimento sarà uguale ovunque. Questa “rivoluzione” inizia nel 2012 per completarsi, e andare a regime, nel 2013. 

RIFIUTI. L’area sulla quale si pone l’attenzione per la raccolta rifiuti  è quella del centro storico, dove sono previsti trenta nuovi punti di raccolta con cassonetti interrati, inclusa la zona del castrum dove si fa la raccolta porta a porta. “Un’operazione che va ad aggiungersi ai 15 interventi già effettuati ad oggi, che hanno portato a un aumento della raccolta differenziata, arrivando in queste zone  al 57% mentre nel resto della città è al 44%, oltre all’eliminazione di 240 dei vecchi cassonetti”, ha dichiarato Renzi.

PULIZIA STRADE. La novità che però, probabilmente, interesserà maggiormente i fiorentini, presentata oggi a Palazzo  Vecchio dal sindaco, riguarda i 209 chilometri di spazzamento notturno battuti per il 40% dalla Sweepy Jet e che in questa rivoluzione saranno ampliati fino ad arrivare al 70%: verrà abbandonata la modalità di pulizia settimanale per lasciare spazio alla pulizia mensile delle strade con mezzo tradizionale: prevista un’integrazione attraverso l’utilizzo della macchina Sweepy Jet in orari in cui non darà problemi al traffico. “Abbandonando le ordinanze settimanali per quelle mensili – ha detto il sindaco Renzi – vogliamo andare incontro ai cittadini per i quali è un vero e proprio incubo il fatto di dover spostare la macchina una, due o anche quattro volte a settimana”. ”Avevamo già eliminato le ganasce e la rimozione forzata – ha aggiunto – resta ovviamente la multa per chi non sposta la macchina”.

ILLUMINAZIONE E MANTO STRADALE. A questa riorganizzazione di raccolta rifiuti e pulizia strade si accompagnerà un nuovo piano di illuminazione e un nuovo manto stradale per le vie principali del centro storico. Le strade interessate saranno: via Tornabuoni, via Cerretani, via Martelli, via Panzani, lungarno Acciaiuoli, via delle Oche e via delle Terme.

SEMAFORI E TRAFFICO. Renzi ha anche ricordato che la prima fase di sperimentazione della nuova centrale semaforica ha portato ottimi risultati per quanto riguarda la viabilità sui viali di circonvallazione: “Grazie al lavoro coordinato con la polizia municipale, si è potuta semplificare fortemente la questione traffico nelle zone critiche della città, e la dimostrazione pratica l’abbiamo avuta durante i giorni di Pitti Uomo: il 2012 è stato il primo anno dove non abbiamo avuto code chilometriche di traffico e segnalazioni di ingorghi”, ha concluso Renzi.

Ultime notizie

Quanti contagiati oggi in Italia: i dati delle ultime 24 ore per regione

I dati del 25 gennaio dal bollettino sul coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia e quanti morti?

Quante persone possono entrare in un negozio: come calcolare il numero massimo

Come calcolare il numero massimo di persone ammesse in un negozio: le regole anti-Covid del nuovo Dpcm, dal cartello a quanti clienti possono entrare per metro quadrato

Quando il cambio di colore delle regioni: ogni quanto vengono decisi i colori Covid

Permanenza più lunga in zona arancione e rossa: quando viene deciso il cambio di colore delle regioni italiane e quando cambiano effettivamente i colori, con l'entrata in vigore dell'ordinanza

Zona rosso scuro: cosa significa per chi vuole viaggiare in Europa e Italia

Nella "mappa" dell'Europa arriva una nuova zona, rosso scuro, con limitazioni per chi vuole viaggiare: cosa significa e cosa cambia nelle regioni italiane che finiranno in questa fascia di rischio