venerdì, 3 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaScatta il Wiki-Pd: ecco i...

Scatta il Wiki-Pd: ecco i 100 punti per l’Italia

Dai tagli alla politica, alla riforma delle pensioni ; dal diritto di voto ai 16enni, all'obbligatorietà del servizio civile, fino all'istituzionalizzazione del 5 per mille. I cento punti usciti dalla tre giorni della Leopolda sono arrivati online. LEGGI IL DOCUMENTO

-

Dai tagli alla politica (una sola Camera, niente vitalizi, via le province e accorpamento dei piccoli comuni) alla riforma delle pensioni (parificare l’età pensionabile delle donne con quella degli uomini); dal ripensamento degli ordini professionali, agli investimenti nella cultura (non meno dell’1 per cento del Pil); dal diritto di voto ai 16enni, all’obbligatorietà del servizio civile, fino all’istituzionalizzazione del 5 per mille.

IL DOCUMENTO. I cento punti usciti dalla tre giorni della Leopolda sono arrivati online e scatta ora il progetto “Wiki-Pd”, come spiegato dallo stesso Renzi: una discussione che durerà tre mesi grazie a una piattaforma web aperta a tutti. Ecco in breve alcune delle idee.

LE STANZE DEI BOTTONI. Il primo “capitolo” riguarda la riduzione dei costi della politica. Tra le proposte, l’abolizione di una delle due Camere (quella dei deputati o il Senato): “Ne basta una sola, composta da non più di 500 persone”, si legge nel documento (ad oggi la Camera dei deputati conta 630 membri, il Senato 315). Per il “popolo” della Leopolda i vitalizi per parlamentari e consiglieri regionali vanno aboliti,  stessa sorte per l’attuale legge elettorale, le province e i piccoli comuni (accorpando quelli più piccoli). Le Regioni dovrebbero avere un costo standard, stop ai contributi alla stampa di partito e drastica riduzione per il finanziamento pubblico ai partiti.

PRIVATIZZAZIONI. Sul fronte delle proposte per la crescita figurano la privatizzazione delle imprese pubbliche e delle municipalizzate. “Si veda quello che serve effettivamente al servizio pubblico – si legge nel testo dei 100 punti – l’eccedenza sia liberata e venduta”. Sulle pensioni no a quelle di anzianità, sì al sistema contributivo per tutti. E poi: abolizione dell’Irap, no secco ai condoni, riforma degli ordini professionali, dirigenti “a termine” nelle aziende pubbliche. Rottamata la cassa integrazione: al suo posto vengono proposte indennità di disoccupazione universali, applicabili anche ai dipendenti di piccole e medie imprese .

SALUTE, TRIBUNALI E AMBIENTE. I 100 punti toccano poi la sanità (costi standard in tutta Italia), la ricerca (un fondo nazionale gestito con criteri da venture capital), la giustizia (una task force di magistrati in pensione e giovani avvocati per aiutare i giudici nello smaltire gli arretrati della giustizia civile) e la sostenibilità ambientale (incentivi per le rinnovabili, obbligo per le amministrazioni pubbliche di acquistare auto a basso consumo).

SOLDI PER BEBE’. Sul fronte famiglia, i leopoldini propongono – tra le altre cose – il calcolo delle aliquote fiscali considerando il quoziente familiare (a parità di reddito paga meno la famiglia con più componenti) e un bonus bebè (4mila euro annuali per i primi due anni).

Leggi il documento integrale (in pdf)

Gli altri articoli sul “Big Bang”:

I VIDEO LE FOTO LO SPECIALE

Ultime notizie