mercoledì, 27 Maggio 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Sciopero dei benzinai dal 6...

Sciopero dei benzinai dal 6 all’8 novembre, I distributori aperti

Sciopero benzinai, la protesta degli operatori del settore è stata confermata e durerà tre giorni dalle 6 del 6 novembre 2019 alle 6 dell'8 novembre. 

-

Sciopero dei benzinai: la protesta degli operatori del settore è stata confermata e durerà tre giorni dalle 6 del 6 novembre 2019 alle 6 dell’8 novembre.

Sciopero benzinai: la lista dei distributori autostradali aperti inToscana

Durante lo sciopero dei benzinai in programma da stasera a venerdì  alcuni impianti resteranno aperti in base alla normativa di regolamentazione dei servizi pubblici essenziali.

Distributori aperti sulla A1 Milano / Napoli

In direzione Napoli: Bisenzio Ovest Km 280 Toscana, Badia al Pino Ovest km 362

In Direzione Milano: Montepulciano Est Km 395, Arno Est 321, Firenze Nord Km 280

Distributori aperti sulla A11 Firenze / Pisa

In direzione Pisa: Perentola nord Km 2

In direzione Firenze: Migliarino sud Km 79

Distributori aperti sulla A12 Genova / Roma

Direzione Roma: Castagnolo ovest Km 164

Direzione Genova: Fine est Km 200

Distributori aperti sulla A15 Parma / La Spezia

Direzione La Spezia: San Benedetto ovest Km 80

Ultime notizie

Il piano Rinasce Firenze per riportare i residenti in centro

Divieto ai bus turistici, censimento delle false residenze, controllo degli accessi: cosa prevede il piano Rinasce Firenze

3 musei civici di Firenze aperti dopo il lockdown

Palazzo Vecchio, Museo Bardini e Museo Novecento spalancano di nuovo le porte ma con orari ridotti e regole anti-Covid, come la prenotazione obbligatoria online

Tramvia, Firenze studia come portarla fino al Duomo (o quasi)

Il sindaco Nardella annuncia: i tecnici stanno elaborando un progetto per far arrivare Sirio vicino a Santa Maria del Fiore

Nardella: “La prima tappa del Tour de France sull’Appennino” tra Firenze e Bologna

"Ho chiesto al presidente Bonaccini di organizzare la prima tappa del Tour de France sull'Appennino": ecco la proposta del sindaco Nardella