domenica, 12 Luglio 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Sì alla variante di Figline

Sì alla variante di Figline

-

“La giunta provinciale – ha annunciato il presidente della provincia Matteo Renzi – ha approvato il progetto definitivo in linea tecnica della  variante alla Sr 69 in riva destra d’Arno, attesa dai cittadini dei 4 comuni del Valdarno Fiorentino e non solo. Ora tutto il procedimento potrà proseguire in modo spedito. Ad esempio sono già state avviate le procedure per gli espropri dei terreni che riguardano il tracciato della nuova strada”.

Sul progetto della variante in riva destra dell’Arno, infatti,  si è chiusa finalmente anche la Conferenza dei servizi. Erano stati espressi pareri favorevoli fin dal gennaio scorso da parte di tutti gli enti invitati sui lotti 1, 3, 4, 5 e 6 ad eccezione dell’Autorità di Bacino. Il parere dell’Autorità dopo vari incontri ed in considerazione dell’evolversi della progettazione delle casse di espansione è arrivato alla fine di settembre.

Già in pubblicazione sui giornali gli estratti dell’avviso di esproprio. In questa fase i cittadini potranno entro 30 giorni esprimere ulteriori osservazioni sul progetto e la stazione appaltante dovrà fornire le risposte. Dopo la dichiarazione di pubblica utilità, prevista per gennaio 2009,  potrà essere bandita la gara con la procedura dell’appalto integrato. Sull’intervento è previsto il cofinanziamento della provincia per 1 milione di euro e della regione Toscana per 15 milioni. L’opera richiederà un investimento di circa 36 milioni di euro e riguarderà il tratto fiorentino del collegamento veloce “Casello Incisa-Matassino-Casello Valdarno”

Altro intervento illustrato nel corso dell’incontro pubblico è la realizzazione di un percorso pedonale sull’Arno SP87 – Ponte Matassino. Il progetto è stato aggiudicato ed il contratto firmato. Si prevede la consegna dei lavori nella prossima settimana. I tecnici della provincia hanno spiegato che non è stato possibile “forzare” i tempi per la consegna dei lavori prima della sottoscrizione del contratto, proprio per la particolare tipologia della struttura metallica che richiede un grosso investimento iniziale da parte della ditta che realizza l’opera.

 

Notizia precedenteImparare a non sporcare
Notizia successivaTommasino, un piatto speciale

Ultime notizie

Cinque casi e un decesso: il bollettino sul coronavirus in Toscana dell’11 luglio

Cinque nuovi casi, un solo decesso: i dati e le notizie di oggi, 11 luglio, sul contagio da coronavirus in Toscana

Dove vedere Inter Torino in tv: Sky o Dazn?

Grande attesa per Inter Torino il 13 luglio alle ore 21.45 che si giocherà a porte chiuse per la trentaduesima giornata del campionato: ma dove vederla in tv, su Sky o Dazn?

Guida 2020 ai locali estivi di Firenze, per drink e musica all’aperto

Sono meno, ma sono aperti: ecco i bar e gli spazi open air per trascorrere l'estate 2020 tra musica, buon cibo e divertimento (in sicurezza). Dal lungarno fino al centro passando dalla periferia

Stato di emergenza, arriva la proroga: cosa comporta

Ci sarà la (scontata) proroga dello stato di emergenza: quando finisce e cosa comporta? Ecco cosa prevede la legge